Regione Toscana
Norma

 
DECRETO LEGISLATIVO 22 giugno 1999, n. 230
  Riordino della medicina penitenziaria, a norma dell' articolo 5 della legge 30 novembre 1998, n. 419  .  
  Pubblicato in GU, n. 165 del 16/07/1999


  Vigente dal: 31/07/1999
  urn:nir:stato:decreto.legislativo:1999-06-22;230

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76  e 87  , quinto comma, della Costituzione ;

Visto l' articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400  ;

Visto l' articolo 5, comma 1, della legge 30 novembre 1998, n. 419  ;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 18 giugno 1999;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro della sannita', di concerto con il Ministro di grazia e giustizia, con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, con il Ministro per la funzione pubblica e con il Ministro per gli affari regionali;

Emana

il seguente decreto legislativo:


   
  Art. 1 

Diritto alla salute dei detenuti e degli internati

 
  1.  I detenuti e gli internati hanno diritto, al pari dei cittadini in stato di liberta'', alla erogazione delle prestazioni di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, efficaci ed appropri- ate, sulla base degli obiettivi generali e speciali di salute e dei livelli essenziali e uniformi di assistenza individuati nel Piano sanitario nazionale, nei piani sanitari regionali e in quelli locali.
 
  2.  Il Servizio sanitario nazionale assicura, in particolare, ai detenuti e agli internati:
   a) livelli di prestazioni analoghi a quelli garantiti ai cittadini liberi;
   b) azioni di protezione, di informazione e di educazione ai fini dello sviluppo della responsabilita' individuale e collettiva in materia di salute;
   c) informazioni complete sul proprio stato di salute all'atto dell'ingresso in carcere durante il periodo di detenzione e all'atto della dimissione in liberta';
   d) interventi di prevenzione, cura e sostegno del disagio psichico e sociale;
   e) l'assistenza sanitaria della gravidanza e della maternita' anche attraverso il potenziamento dei servizi di informazione e dei consultori, nonche' appropriate, efficaci ed essenziali prestazioni di prevenzione, diagnosi precoce e cura alle donne detenute o internate;
   f) l'assistenza pediatrica e i servizi di puericultura idonei ad evitare ogni pregiudizio, limite o discriminazione alla equilibrata crescita o allo sviluppo della personalita', in ragione dell'ambiente di vita e di relazione sociale, ai figli delle donne detenute o internate che durante la prima infanzia convivono con le madri negli istituti penitenziari.
 
  3.  Ogni Azienda unita' sanitaria locale, nel cui ambito e' ubicato un istituto penitenziario, adotta un'apposita Carta dei servizi sanitari per i detenuti e gli internati. Ai fini della predisposizione della Carta dei servizi sanitari le Aziende unita' sanitarie locali e l'amministrazione penitenziaria promuovono consultazioni con rappresentanze di detenuti ed internati e con gli organismi di volontariato per la tutela dei diritti dei cittadini.
 
  4.  I detenuti e gli internati conservano l'iscrizione al Servizio saintario nazionale per tutte le forme di assistenza, ivi compresa quella medico-generica.
 
  5.  Sono iscritti al Servizio sanitario nazionale gli stranieri, limitatamente al periodo in cui sono detenuti o internati negli istituti penitenziari. Tali soggetti hanno parita' di trattamento e piena uguaglianza di diritti rispetto ai cittadini liberi, a prescindere dal regolare titolo di permesso di soggiorno in Italia.
 
  6.  I detenuti e gli internati sono esclusi dal sistema di compartecipazione alla spesa delle prestazioni sanitarie erogate dal Servizio sanitario nazionale.
 
 
  Art. 2 

Principi

 
  1.  Lo Stato, le regioni, i comuni, le aziende unita' sanitarie locali e gli istituti penitenziari uniformano le proprie azioni e concorrono responsabimente alla realizzazione di condizioni di protezione della salute dei detenuti e degli internati, attraverso sistemi di informazione ed educazione sanitaria per l'attuazione di misure di prevenzione e lo svolgimento delle prestazioni di diagnosi, cura e riabilitazione contenute nel Piano sanitario nazionale, nei piani sanitari regionali e in quelli locali.
 
  2.  L'assistenza sanitaria ai detenuti e agli internati e' organizzata secondo principi di globalita' dell'intervento sulle cause di pregiudizio della salute, di unitarieta' dei servizi e delle prestazioni, di integrazione della assistenza sociale e sanitaria e di garanzia della continuita' terapeutica.
 
  3.  Alla erogazione delle prestazioni sanitarie provvede l'Azienda unita' sanitaria locale. L'amministrazione penitenziaria provvede alla sicurezza dei detenuti e a quella degli internati ivi assistiti.
 
 
  Art. 3 

Competenze in materia sanitaria

 
  1.  Il Ministero della sanita' esercita le competenze in materia di programmazione, indirizzo e coordinamento del Servizio sanitario nazionale negli istituti penitenziari.
 
  2.  Le regioni esercitano, le competenze in ordine alle funzioni di organizzazione e programmazione dei servizi sanitari regionali negli istituti penitenziari e il controllo sul funzionamento dei servizi medesimi.
 
  3.  Alle Aziende unita' sanitarie locali sono affidati la gestione e il controllo dei servizi sanitari negli istituti penitenziari. Il direttore generale risponde della mancata applicazione e dei ritardi nell'attuazione delle misure previste ai fini dello svolgimento dell'assistenza sanitaria nei suddetti istituti.
 
  4.  L'amministrazione penitenziaria segnala alle Aziende unita' sanitarie locali e, ai fini dell' esercizio dei poteri sostitutivi, alle regioni e al Ministero della sanita', la mancata osservanza delle disposizioni del presente decreto legislativo.
 
 
  Art. 4 

Competenze in materia di sicurezza

 
  1.  Al Ministero di grazia e giustizia sono riservate tutte le competenze in materia di sicurezza all'interno delle strutture sanitarie ubicate negli istituti penitenziari e nell'ambito dei luoghi esterni di cura ove siano ricoverati i detenuti e gli internati.
 
  2.  Sulla base degli indirizzi formulati con decreto del Ministro di grazia e giustizia di concerto con il Ministro della sanita', il direttore dell'istituto penitenziario sentito il direttore generale dall'Azienda unita' sanitaria locale, disciplina il regime autorizzatorio e le modalita' di accesso nell'istituto medesimo del personale appartenente al servizio sanitario nazionale.
 
  3.  Il Personale appartenente al Servizio sanitario nazionale e' tenuto all'osservanza delle norme previste dall'ordinamento penitenziario dal relativo regolamento di esecuzione, dal regolamento interno dell'istituto penitenziario, nonche' delle direttive impartite dall'ammnistrazione penitenziaria e dal direttore dell'istituto medesimo in materia di organizzazione e sicurezza.
 
  4.  In relazione alle esigenze dell'amministrazione penitenziaria e' definito, senza oneri a carico del bilancio dello Stato, con provvedimento adottato dal Ministro di grazia e giustizia, di concerto con il Ministro della sanita', con il Ministro per la funzione pubblica e con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, sentite le organizzazioni sindacali, un contingente di personale medico e sanitario da destinare all'Amministrazione penitenziaria. Con il medesimo provvedimento sono stabiliti i requisiti e i criteri per la individuazione di detto personale, nonche' i relativi compiti, fermo restando il diritto di opzione per tale contingente di personale.
 
 
  Art. 5 

Progetto obiettivo per la tutela della salute in ambito penitenziario

 
  1.  Nell'ambito del Piano sanitario nazionale di cui all' articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502  ,e successive modificazioni ed integrazioni, e' previsto un apposito Progetto obiettivo per la tutela della salute in ambito penitenziario.
 
  2.  Il Progetto obiettivo di cui al comma 1  ha durata triennale ed e' approvato con decreto di natura non regolamentare del Ministro della sanita' e del Ministro di grazia e giustizia, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica d'intesa con la Conferenza unificata di cui all' articolo 8  dei decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281  . In sede di prima applicazione, il Progetto obiettivo e' approvato entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo.
 
  3.  Nel Progetto obiettivo di cui al comma 1  sono definiti gli indirizzi alle regioni, volti a garantire gli obiettivi di salute dei detenuti e degli internati. Il Progetto obiettivo indica, in particolare:
   a) gli indirizzi specifici finalizzati ad orientare il Servizio sanitario nazionale verso il miglioramento continuo dell'assistenza negli istituti penitenziari;
   b) i modelli organizzativi dei servizi sanitari penitenziari anche di tipo dipartimentale differenziati secondo la tipologia di istituto;
   c) le esigenze relative alla formazione specifica dell'assistenza sanitaria in ambito penitenziario;
   d) le linee-guida finalizzate a favorire all'interno degli istituti penitenziari lo sviluppo delle modalita' sistematiche di revisione e valutazione dell'assistenza erogata ad assicurare l'applicazione dei livelli uniformi, essenziali e appropriati di assistenza;
   e) gli obiettivi di salute da raggiungere nel triennio nell' ambito degli istituti penitenziari.
 
  4.  Nella determinazione dei criteri generali di valutazione dell'attivita' dei direttori generali le regioni tengono conto anche del raggiungimento degli obiettivi di salute e di funzionamento dei servizi sanitari negli istituti penitenziari, con riferimento alle risorse disponibili e alle caratteristiche degli istituti penitenziari medesimi.
 
  5.  Le regioni danno attuazione, nell'ambito dei propri piani sanitari regionali, agli indirizzi contenuti nel Piano sanitario nazionale, sentiti i provveditorati regionali dell'Amministrazione penitenziaria, anche prevedendo specifici, progetti di intervento in materia di assistenza sanitaria nei confronti dei detenuti e degli internati. La mancanza del Piano sanitario regionale comporta l'applicazione del Progetto obiettivo per la tutela della salute in ambito penitenziario di cui al comma 1  .
 
  6.  Trascorso un anno dalla data di entrata in vigore del Progetto obiettivo di cui al comma 1  senza che la regione abbia provveduto a dare attuazione a quanto previsto dal comma 5  , il Ministero delle sanita' sentita la regione interessata, fissa un termine non inferiore a tre mesi per provvedervi. Decorso tale termine il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della sanita' e del Ministro di grazia e giustizia, d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, adotta gli atti necessari per dare attuazione nella regione al Progetto obiettivo per la tutela della salute in ambito penitenziario, anche mediante la nomina di commissari ad acta.
 
  7.  La Relazione sullo stato sanitario del Paese, predisposta annualmente dal Ministro della sanita', e' integrata con un apposito capitolo sull'assistenza sanitaria negli istituti penitenziari, redatto d'intesa con il Ministero di grazia e giustizia, nel quale sono:
   a) illustrate le condizioni di salute della popolazione detenuta e internata;
   b) descritte le risorse impiegate e le attivita' svolte dal Servizio sanitario nazionale negli istituti penitenziari;
   c) esposti i risultati conseguiti rispetto agli obiettivi finali stabiliti nel Progetto obiettivo per la tutela della salute in ambito penitenziario;
   d) illustrati i risultati conseguiti dalle regioni rispetto all'attuazione di piani sanitari regionali;
   e) fornite indicazioni per l'elaborazione delle politiche sanitarie e per la programmazione degli interventi in ambito penitenziario.
 
 
  Art. 6 

Personale e strutture

 
  1.  Con uno o piu decreti del Ministro della sanita' e del Ministro di grazia e giustizia, di concerto con il Ministro per la funzione pubblica e con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, e' individuato il personale operante negli istituti penitenziari da trasferire al Servizio sanitario nazionale. Si applica l' articolo 19 della legge 15 marzo 1997, n.59  .
 
  2.  In sede di contrattazione collettiva con le organizzazioni sindacali sono definite le forme e le procedure per il trasferimento del personale individuato ai sensi del comma 1  , anche con la definizione di apposite tabelle di equivalenza.
 
  3.  Con uno o piu' decreti del Ministro di grazia e giustizia e del Ministro della sanita', di concerto con il Ministro per la funzione pubblica, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo e' disciplinato nel rispetto dei principi contenuti nell' articolo 7 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112  il trasferimento delle attrezzature, degli arredi e degli altri beni strumentali di proprieta'' della amministrazione penitenziaria da destinare al servizio sanitario nazionale.
 
 
  Art. 7 

Trasferimento di risorse

 
  1.  Agli oneri derivanti dall'applicazione del presente decreto legislativo e dei decreti legislativi di cui all' articolo 5, comma 2, della legge 30 novembre 1998, n. 419  , si provvede mediante utilizzazione delle risorse assegnate al Ministero di grazia e giustizia e destinate alla sanita' penitenziaria.
 
  2.  Con decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, sono assegnate al Fondo sanitario nazionale le risorse finanziarie, relative alle funzioni progressivamente trasferite, iscritte nello stato di previsione della spesa del Ministero di grazia e giustizia. Con il medesimo decreto sono definiti, altresi', i criteri e le modalita' della loro gestione.
 
  3.  Dall'applicazione del presente decreto legislativo non possono derivare oneri a carico del bilancio dello Stato superiori all'ammontare delle risorse attualmente assegnate al Ministero di grazia e giustizia e destinate alla sanita' penitenziaria.
 
 
  Art. 8 

Trasferimento delle funzioni e fase sperimentale

 
  1.  A decorrere dal 1 gennaio 2000 sono trasferite al servizio sanitario nazionale le funzioni sanitarie svolte dall'amministrazione penitenziaria con riferimento ai soli settori della prevenzione e della assistenza ai detenuti e agli internati tossicodipendenti. Sono contestualmente trasferiti il relativo personale, le attrezzature, gli arredi e gli altri beni strumentali nonche' le risorse finanziarie, nel rispetto dei principi contenuti nell' articolo 7 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112  .
 
  2.  Con decreto del Ministro della sanita' e del Ministro di grazia e giustizia, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e con il Ministro per la funzione pubblica, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sentite le organizzazioni sindacali, sono individuate almeno tre regioni nelle quali avviare il graduale trasferimento, in forma sperimentale, delle restanti funzioni sanitarie. Con il medesimo decreto e' stabilita la durata della fase sperimentale, tenuto conto dei termini previsti dall' articolo 5, comma 2, della legge 30 novembre 1998, n. 419  .
 
  3.  Nella fase sperimentale prevista dal comma 2  al rapporto di lavoro del personale non si applicano le disposizioni di cui all' articolo 6  . Tale personale e' posto alle, dipendenze funzionali del Servizio sanitario nazionale. I beni strumentali restano nella titolarita' della amministrazione penitenziaria; la gestione degli stessi e' affidata al Servizio sanitario nazionale.
 
  4.  Con i decreti previsti dal comma 2 dell'articolo 5 della legge 30 novembre 1998, n. 419  , al termine della fase sperimentale, si provvede al trasferimento delle altre funzioni in tutto il territorio nazionale, anche sulla base della sperimentazione svolta.
 
 
  Art. 9 

Trasferimento delle funzioni alle regioni a statuto speciale e alle province autonome

 
  1.  Per il trasferimento delle funzioni di cui al presente decreto legislativo si provvede, per le Regioni a statuto speciale e per le province autonome di Trento e di Bolzano, con norme di attuazione ai sensi dei rispettivi statuti.
 

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

Dato a Roma, addì 22 giugno 1999

CIAMPI

D'ALEMA, Presidente del Consiglio dei Ministri

DILIBERTO, Ministro di grazia e giustizia

AMATO, Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione-economica

PIAZZA, Ministro per la funzione pubblica

BELLILLO, Ministro per gli affari sociali

Visto, il Guardasigilli: DILIBERTO