Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DELL'INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE PER I SERVIZI DEMOGRAFICI AREA III STATO CIVILE  
CIRCOLARE 26 aprile 2006, n. 13
  Oggetto: Chiarimenti in merito alla corretta registrazione anagrafica delle cittadine tunisine.  
 


 
  urn:nir:ministero.interno;dipartimento.affari.interni.territoriali;direzione.centrale.servizi.demografici:circolare:2006-04-26;13

Ai Sigg. Prefetti della Repubblica - Loro Sedi

Al Sig. Commissario del Governo per la Provincia di Trento

Al Sig. Commissario del Governo per la Provincia di Bolzano

Al Sig. Presidente della Regione Autonoma Valle d'Aosta - Servizio Affari di Prefettura piazza della Repubblica, 15 - Aosta

e, per conoscenza: Al Commissario dello Stato per la Regione siciliana - Palermo

Al rappresentante del Governo per la Regione Sardegna - Cagliari

All'Ufficio di Gabinetto dell'On. Sig. Ministro - Sede

All'Ispettorato Generale di Amministrazione via Cavour, 6 - Roma

All'Istituto Nazionale di Statistica - Roma

All'A.N.C.I. via dei Prefetti, 46 - Roma

All'A.N.U.S.C.A. via dei Mille, 35e/f - Castel S.Pietro Terme (Bo)

Alla DeA - Demografici Associati c/o Amministrazione Comunale V.le Comaschi n. 1160 - Cascina (Pi)

Al Servizio Documentazione della Direzione Centrale per i Servizi Demografici - Sede


 

Taluni Comuni hanno richiesto a questa Direzione Centrale chiarimenti in merito alla corretta iscrizione anagrafica delle cittadine tunisine il cui passaporto riporta, oltre al cognome di nascita, anche quello del marito, preceduto dalle parole "Ep" e "Ep.se".

Al riguardo, è da premettere che, ai fini dell?individuazione della corretta identità dei cittadini stranieri, è necessario fare riferimento all' art. 14 del D.P.R. 223/89  , all' art. 24 della Legge n. 218/1995  ed alle convenzioni sottoscritte dallo Stato italiano e dai vari Stati esteri (cfr. circolare n. 20 del 25.07.2003  di questa Direzione Centrale).

Ciò stante, attesa la delicatezza e la rilevanza della questione, si è provveduto ad interpellare l'Ambasciata di Tunisia, la quale ha espresso il parere che di seguito si riporta: "...le diciture "ep" o "ep.se" che compaiono sui passaporti delle cittadine tunisine sposate sono delle abbreviazioni della parola "épouse", che significa "sposata con". Davanti a queste parole compare abitualmente il cognome del marito".

Si prega di portare a conoscenza dei Sigg.ri Sindaci il contenuto della presente circolare, fornendo, altresì, un cortese cenno di assicurazione.


 

Il Direttore Centrale Giovanna Menghini