Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DELL' INTERNO DIPARTIMENTO PER LE LIBERTA' CIVILI E L'IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL'IMMIGRAZIONE E DELL'ASILO  
CIRCOLARE 9 aprile 2009, n. 1746
  Oggetto: Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2009, concernente la programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori extracomunitari stagionali nel territorio dello Stato per l'anno 2009.  
 


 
  urn:nir:ministero.interno;dipartimento.liberta.civili.immigrazione;direzione.centrale.politiche.immigrazione.asilo:circolare:2009-04-09;1746

Ai Sig. Prefetti titolari degli Uffici Territoriali di Governo Loro Sedi

Al Sig. Commissario del Governo per la Provincia Autonoma di Trento

Al Sig. Commissario del Governo per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sig. Presidente della Regione Valle d'Aosta - Aosta

e, p.c. al Ministero degli Affari Esteri, DGPIEM - Ufficio VI Centro Visti - Roma

Al Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali - Direzione Generale dell'Immigrazione Via Fornovo, 8 - Roma

All'Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Via del Giorgione, 159 - Roma

All'INPS Via Ciro il Grande, 21- Roma

Al Gabinetto del Sig. Ministro - Sede

Al Dipartimento della P. S. - Direzione Centrale dell'Immigrazione e della Polizia delle Frontiere - Sede


 

Si informa che è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il decreto firmato dal Presidente del Cosiglio dei Ministri concernente la programmazione dei flussi d'ingresso per lavoratori stranieri stagionali per l'anno 2009 che ad ogni buon fine si allega in copia (all.1).

Il decreto prevede che sono ammesse solo le domande relative a:

a) lavoratori subordinati stagionali non comunitari di Serbia, Montenegro, Bosnia-Herzegovina, Ex Repubblica Yugoslava di Macedonia, Croazia, India Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka e Ucraina;

b) lavoratori subordinati stagionali non comunitari dei seguenti paesi che hanno sottoscritto o stanno per sottoscrivere accordi di cooperazione in materia migratoria: Tunisia, Albania, Marocco, Moldavia ed Egitto;

c) lavoratori stranieri non comunitari titolari di permesso di soggiorno per lavoro stagionale negli anni 2006, 2007, 2008.

Le 80 mila quote concesse dovranno poi essere ripartite tra le Regioni e le province autonome con provvedimento del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, così come previsto dall'articolo 1 del citato DPCM.

MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE E MODULISTICA

Le domande di nulla osta per il lavoro stagionale possono essere presentate esclusivamente con modalità informatiche. Le procedure concernenti le modalità di registrazione dell'utente e l'invio delle domande, sono identiche a quelle da tempo in uso e sono rivendibili anche sul sito internet (www.interno.it).

L'accesso al sito dedicato al decreto flussi per lavoratori stagionali 2009, sarà possibile dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto e dalle ore 8,00 del 15 aprile è consentito l'invio delle domande.

La modulistica è identica a quella utilizzata per le istanze relative al decreto flussi lavoratori stagionali 2008; le domande potranno essere presentate sino alle ore 24,00 del 31 dicembre 2009.

PROTOCOLLI D'INTESA

Anche per quest'anno, le associazioni di categoria di cui all' art. 38 comma 3 del DPR n. 394/99  , firmatarie dei protocolli stipulati con questo Ministero, unitamente a quello del Lavoro potranno presentare le domande per conto dei datori di lavoro che aderiscono alle rispettive associazioni.

Il protocollo è "aperto" all'adesione di altre associazioni interessate, pertanto, analogamente a quanto indicato nella circolare n. 263/2008 relativa al decreto flussi stagionali del 2008, qualora qualcuna delle associazioni firmatarie abbia articolazioni territoriali con autonomia statutaria, i rispettivi rappresentanti potranno far pervenire alle SS.LL. richieste di adesione da definire secondo lo schema già fornito e riproposto in allegato (all. n. 2).

Gli accreditamenti già rilasciati agli operatori segnalati dalle associazioni di categoria firmatarie del protocollo per le domande relative al decreto flussi stagionali 2007 e 2008 sono confermati. Per l'accreditamento di altri operatori (sia delle medesime associazioni che di quelle che aderiranno nel corso dell'anno), ciascuna associazione dovrà anche presentare, in formato elettronico, a codeste Prefetture il modello excel compilato in tutte le sue parti (con particolare attenzione all'indicazione del codice fiscale degli operatori).

Le SS.LL. vorranno quindi disporre gli accertamenti ritenuti opportuni e provvedere all'inoltro del modello, in formato excel, contenente i dati degli operatori per i quali si richiede l'accreditamento, esclusivamente con messaggio di posta elettronica al seguente indirizzo assut.sui@interno.it.

Infine, si informa che presso questo Dipartimento si è recentemente tenuto un incontro con i rappresentanti di tali associazioni i quali hanno confermato la piena disponibilità alla collaborazione. I Dirigenti degli Sportelli sono, pertanto, invitati a valutare la concreta possibilità del loro coinvolgimento per ridurre i tempi di lavorazione delle istanze pendenti.

ISTRUTTORIA

In considerazione della necessità di soddisfare con maggiore urgenza le richieste di nulla osta per lavoratori da impiegare a partire dai mesi primaverili, si rammenta che il sistema di gestione dei procedimenti - che deve comunque rispettare l'ordine cronologico di presentazione - consente di evidenziare le istanze la cui presunta data d'inizio dell'attività lavorativa è maggiormente vicina per razionalizzare la trattazione delle istanze stesse e per evitare che la trattazione tardiva determini la cessazione dell'interesse da parte del richiedente.

Si informa, inoltre, che il sistema SPI consentirà di individuare se il medesimo datore di lavoro ha ottenuto - nel corso dell'anno precedente - altro/i nulla osta per lavoro stagionale: tale funzionalità consentirà di accelerare la valutazione complessiva dell'istanza e di superare la necessità di acquisire documentazione integrativa.

Lo Sportello Unico, inoltre, anche rispetto ai requisiti relativi all'idoneità dell'alloggio, dovrebbe adottare il medesimo atteggiamento istruttorio qualora venga richiesto il nullaosta per il medesimo lavoratore straniero e la sistemazione alloggiativa dell'anno precedente, astenendosi dal richiedere la produzione della certificazione già acquisita in atti.

Tali accortezze istruttorie consentiranno di ridurre i tempi di definizione delle istanze e di rilasciare il nulla osta nei tempi previsti dalle norme.

Le SS.LL. sono invitate ad informare di quanto sopra i rispettivi Dirigenti degli Sportelli Unici e a verificare il puntuale rispetto delle istruzioni impartite.

Si ringrazia.

 

Il Direttore Centrale Ciclosi



ALLEGATI:  
- Allegato 1   -

 

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 marzo 2009  , concernente la programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori extracomunitari stagionali nel territorio dello Stato per l'anno 2009 :

 
- Allegato 2   -

 

ATTO DI ADESIONE

tra il Prefetto di________________________________

e ___________________________________________

(indicare Associazione o Sezione territoriale e/o categoriale dell?Associazione Nazionale di rappresentanza dei datori di lavoro firmataria del protocollo di intesa in sede nazionale)

rappresentata da __________________________________________

domiciliato per la carica in _________________________________

L'Associazione sopra indicata, in considerazione dell'autonomia territoriale prevista dalle norme statutarie, manifesta piena adesione a quanto previsto dal Protocollo di intesa (che costituisce parte integrante del presente documento) stipulato, a livello nazionale, dal Ministero dell'Interno e dal Ministero della Solidarietà Sociale in data ___________ con la propria Associazione Nazionale di rappresentanza in materia di procedimenti di nulla osta al lavoro stagionale di competenza dello Sportello Unico per l'Immigrazione.

Di conseguenza, l'associazione firmataria del presente atto assume tutti gli impegni e le responsabilità previste dal predetto Protocollo.

IL PREFETTO DI (firma)___________________________

ASSOCIAZIONE (firma)____________________________