Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI  
DECRETO 12 novembre 2012
  Approvazione graduatoria finale  
 
  Vigente al 18/09/2019 


 
  urn:nir:ministero.lavoro.politiche.sociali:decreto:2012-11-12;nir-1

Indice


IL DIRETTORE GENERALE

VISTO il Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165  , recante "Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche", e successive modificazioni ed integrazioni;

VISTO il Decreto legge 16 maggio 2008, n. 85  , convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n.121  , recante "Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1 , commi 376 e 377, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244  ";

VISTO il D.P.R. 7 aprile 2011, n. 144  , recante il "Regolamento di riorganizzazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali";

VISTO l' art. 3 della Legge 14 gennaio 1994, n. 20  , recante "Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti";

VISTO il decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123  recante "Riforma dei controlli di regolarità amministrativa e contabile e potenziamento dell'attività di analisi e valutazione della spesa";

VISTA la Decisione n. 2007/435/CE del Consiglio dell'Unione Europea del 25.06.2007, che istituisce il Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini di Paesi terzi per il periodo 2007-2013 nell'ambito del programma generale "Solidarietà e gestione dei flussi migratori";

VISTA la Decisione della Commissione del 5 marzo 2008 ( 2008/457/CE ) recante le modalità di applicazione della decisione 2007/435/CE , relativamente ai sistemi di gestione e di controllo degli Stati membri, alle norme di gestione amministrativa e finanziaria e all'ammissibilità delle spese per i progetti cofinanziati dal Fondo;

VISTO il Programma Annuale 2011 del citato Fondo, approvato con Decisione della Commissione Europea C(2011)6455 del 13 settembre 2011, che indica gli intenrenti progettuali di rilevanza nazionale attuati in modalità di organo Esecutivo attuati in partenariato con altre Amministrazioni Centrali dello Stato e con Enti Pubblici Nazionali;

VISTA la nota n. 7094 del 29 settembre 2011 con la quale il Ministero dell'Interno, in qualità di Autorità Responsabile del FEI, ha invitato le amministrazioni centrali interessate a presentare proposte progettuali in attuazione del Programma Annuale 2011 del citato Fondo;

VISTA la nota n. 1626 del 18.11.2011 con la quale quest'Amministrazione ha trasmesso all'Autorità Responsabile la proposta progettuale a valenza nazionale, a valere sull'annualità 2011 del Fondo in argomento, denominata "Formazione all'estero nei Paesi di origine dei flussi migratori verso l'Italia", nell'ambito della quale si contempla tra l'altro la realizzazione, in Paesi extra-UE di interventi di formazione linguistica finalizzati all'ingresso in Italia per motivi di lavoro di cittadini stranieri residenti nei Paesi d'origine;

VISTO il decreto del 16 marzo 2012 (prot. 2042 del 22.3.2012), con il quale il Ministero dell'Interno ha approvato ed ammesso al finanziamento, per un importo complessivo di E 2.000.000,00, il progetto presentato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Direzione Generale dell'Immigrazione e delle Politiche di Integrazione, denominato "Formazione all'estero nei Paesi di origine dei flussi migratori verso l'Italia", a valere sulla Priorità 1: "Attuazione di azioni destinate ad applicare i principi fondamentali comuni della politica di integrazione degli immigrati nell'UE, Azione 1- Formazione linguistica ed educazione civica";

VISTA la dichiarazione di impegno sottoscritta in data 22.5.2012 con il Ministero dell'Interno, avente ad oggetto il finanziamento del progetto menzionato al paragrafo precedente, per un importo complessivo di 2.000.000,00, di cui € 1.500.000,00 a valere sul Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini di Paesi terzi ed € 500.000,00 a valere sul Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie;

VISTO l' art. 12 della Legge 7 agosto 1990, n. 241  , e successive modificazioni ed integrazioni, il quale subordina l'adozione dei prvvedimenti attributivi di vantaggi economici alla predeterminazione ed alla pubblicazione da parte delle amministrazioni procedenti dei criteri e delle modalità cui le amministrazioni stesse devono attenersi;

VISTO il proprio decreto dell'8 agosto 2012  , pubblicato il 14 agosto 2012 nella sezione "Pubblicità LegaIe" del sito istituzionale del Ministero ai sensi dell' art. 32 della Legge 18 giugno 2009, n.69  , con il quale è stato adottato I'Avviso pubblioo n. 3/2012 per il finanziamento di progetti di formazione linguistica in favore di cittadini residenti nei Paesi di origine dei flussi migratori finalizzati all'ingresso in Italia per motivi di lavoro, per un ammontare massimo oomplessivo di € 2.000.000,00;

RILEVATO che entro il termine finale fissato nel citato Avviso sono stati presentati 43 progetti;

VISTO il proprio decreto dell'1 ottobre 2012 con il quale è stata istituita la commissione incaricata di procedere alla verifica delle condizioni di ammissibilità delle domande di partecipazione e della relativa documentazione allegata nonché alla successiva valutazione dei progetti presentati;

VISTI i verbali della commissione relativi alle sedute del 2, 3, 5, 8, 9, 11 e 12 ottobre 2012 dedicate alla verifica delle oondizioni di ammissibilità delle domande di partecipazione e della relativa documentazione;

VISTI i provvedimenti di esclusione del 5 novembre 2012 (prot. dal n. 7764 al n. 7785 e n. 7787 del 6/11/2012), adottati ai sensi dell'avviso e, in particolare del § 10 dello stesso, nei confronti dei 23 soggetti partecipanti che, sulla base dei suddetti verbali, non erano in possesso delle prescritte condizioni di ammissibilità;

VISTI i verbali della commissione ed i relativi allegati inerenti le sedute del 17, 18, 19, 24, 30 e 31 ottobre 2012 dedicate alla valutazione dei 20 progetti in possesso delle prescritte condizioni di ammissibilità;

VISTO il § 13 "Valutazione dei progetti" deIl'Avviso ed in particolare il capoverso nel quale è prescritto che, ai fini dell'idoneità al finanziamento, ciascun progetto deve conseguire un punteggio oomplessivo non inferiore a 60 punti;

VISTO il citato § 13 nella parte in cui è previsto che il Ministero non concederà il finanziamento al soggetto collocatosi nell'ultima posizione utile, qualora le risorse finanziarie residue siano inferiori al finanziamento pubblico richiesto;

RITENUTO, in conformità con le risultanze delle valutazioni compiute dalla commissione, di dover procedere all'approvazione della graduatoria finale relativa ai progetti di formazione linguistica in favore di cittadini residenti nei Paesi di origine dei flussi migratori, finalizzati all'ingresso in Italia per motivi di lavoro;

DECRETA


   
  Art. 1   
  1.  Per le ragioni in premessa indicate, è approvata la graduatoria finale dei progetti presentati in risposta aIl'Avviso n. 3/2012, secondo la tabella di seguito riportata:
N. Soggetto proponente Titolo del progetto Paese svolgimento progetto Costo totale del progetto Finanziamento pubblico previsto Totale punteggio
1AXL s.p.a.Orientamento formazlone e qualificazione professionale cittadini albanesiAlbania327.480,00212.862,0075,61
2E-work s.p.a.Dialogo Italia Sri Lanka: formazione e sostegno alla popolazione migranteSri Lanka 461.400,00299.910,0075,48
3Ital-UIL - Istituto di tutela e assistenza lavoratoriRisultato in partenza. Immigrazione condivisa dall'EgittoEgitto130.950,0090.350,0075,38
4Patronato A.C.L.I.Dalla Moldova con un indirizzo in tascaMoldova149.600,00115.192,0071,50
5Patronato S.I.A.S.IMMI - Italiano in Moldavia per Moldavi in ItaliaMoldova150.000,00105.000,0071,50
6Patronato A.C.L.I.Dall'Albania con un indirizzo in tascaAlbania119.700,0093.366,0069,57
7IGEA s.r.l.FAM.CARE.INDIA - Family caregiver dall'IndiaIndia210.000,00147.000,0068,95
8IGEA s.r.l.FAM.CARE.SRI LANKA - Family caregiver dallo Sri LankaSri Lanka300.000,00237.000,0067,86
9CNAPercorsi di integrazione socio-occupazionale per cittadini albanesiAlbania300.000,00240.000,0065,92
10Etjca s.p.a.Now Moldova- New opportunities for workers from MoldovaMoldova270.000,00216.000,0063,82
11JOB - Just on business s.p.a.Progetto MoldovaMoldova120.000,0096.000,0062,74
12Ital UILLavoro in partenza. Immigrazione condivisa dal PerùPerù156.550,00108.019,5061,68
13Adecco ItaliaTwin Albania 2 -Teaching and work for integrationAlbania300.000,00240.000,0060,50
14Università della Calabria - dipartimento linguisticaAlbania Amica Mia: percorsi formativi per l'inserimento di cittadini albanesi nel mercato del lavoro italianoAlbania190.460,00150.463,4058,30
15Associazione Integra OnlusUn ponte per il lavoroAlbania158.340,00126.672,0055,71
16Comune di Palazzo San Gervasio (PZ)Cultura e tradizione per l'integrazione lavorativa dei cittadini moldavi in ItaliaMoldova180.000,00144.000,0054,42
17Consorsio dei servizi sociali - Ambito A6 - Regione CampaniaNoi in Albania 2Albania75.000,0060.000,0053,50
18I.F.O.A.Progetti di formazione linguistica in favore di cittadini residenti nei paesi di origine dei flussi migratori finalizzati all'ingresso in Italia per motivi di lavoroAlbania120.000,0096.000,0052,50
19Istituzione centro nord sud della provincia di PisaImmigrazione in formazioneTunisia108.000,0086.400,0047,25
20A.N.F.E.UP - Interventi professionali strategici per l'inserimento socio-lavorativo di immigrati ucraini in ItaliaUcraina88.000,0067.750,0036,00
 
 
  Art. 2   
  1.  Sulla base delle risorse finanziarie disponibili e secondo l'ordine di graduatoria riportato sono ammessi ai finanziamento secondo le condizioni previste al § 14 deIl'Avviso n. 3/2012, i progetti di cui alla seguente tabella per un importo complessivo di € 1.960.699,50 (eurounmilionenovecentosessantamiIaseicentonovantanove/ 50):
N. Soggetto proponente Titolo del progetto Finanziamento pubblico richiesto Totale punteggio
1AXL s.p.a.Orientamento formazlone e qualificazione professionale cittadini albanesi212.862,0075,61
2E-work s.p.a.Dialogo Italia Sri Lanka: formazione e sostegno alla popolazione migrante299.910,0075,48
3Ital-UIL - Istituto di tutela e assistenza lavoratoriRisultato in partenza. Immigrazione condivisa dall'Egitto90.350,0075,38
4Patronato A.C.L.I.Dalla Moldova con un indirizzo in tasca115.192,0071,50
5Patronato S.I.A.S.IMMI - Italiano in Moldavia per Moldavi in Italia105.000,0071,50
6Patronato A.C.L.I.Dall'Albania con un indirizzo in tasca93.366,0069,57
7IGEA s.r.l.FAM.CARE.INDIA - Family caregiver dall'India147.000,0068,95
8IGEA s.r.l.FAM.CARE.SRI LANKA - Family caregiver dallo Sri Lanka237.000,0067,86
9CNAPercorsi di integrazione socio-occupazionale per cittadini albanesi240.000,0065,92
10Etjca s.p.a.Now Moldova- New opportunities for workers from Moldova216.000,0063,82
11JOB - Just on business s.p.a.Progetto Moldova96.000,0062,74
12Ital UILLavoro in partenza. Immigrazione condivisa dal Perù108.019,0061,68
 
 
  Art. 3   
  1.  La spesa di € 1.960.699,50 (eurounmilionenovecentosessantamilaseicentonovantanove/50) graverà sul capitolo 3783 "Fondo nazionale per le politiche migratorie" - P.G. 2 - Macroaggregato "Interventi" Programma 27.6 "Flussi migratori per motivi di lavoro e politiche di integrazione sociale delle persone immigrate" - Missione 27 "Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti" - C.D.R. "Direzione Generale dell'immigrazione e delle politiche di integrazione", dello stato di previsione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l'anno finanziario 2012, mediante l'utilizzo delle risorse ivi erogate dal Ministero dell'Interno (Autorità Responsabile del Fondo Europeo per l'Integrazione di Cittadini di Paesi terzi 2007- 2013) per il tramite del Ministero dell'Economia e delle Finanze - IGRUE.
 
  2.  La spesa in parola sarà finanziata per il 75% (pari ad € 1.470.524,62) con il Fondo Europeo per l'Integrazione di Cittadini di Paesi terzi 2007-2013 e per il restante 25% (pari ad E 490.174,88) sul Fondo di Rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie.
 
  3.  Il presente decreto sarà trasmesso alla Corte dei Conti, per il tramite dell'Ufficio Centrale del Bilancio, per i controlli di competenza.
 
  4.  AI presente decreto sarà data pubblicità nelle forme previste dall' art. 32 della L. 18 giugno 2009, n. 69  , mediante pubblicazione sul sito istituzionale www.lavoro.gov.it , con valore di notifica per tutti i soggetti interessati.
 
  5.  Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso in sede giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ovvero rioorso straordinario al Capo dello Stato rispettivamente entro sessanta giorni e centoventi giorni dalla pubblicazione.
 

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come legge dello Stato.

 

Dato a Roma, 12 novembre 2012

Natale Forlani