Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI  
DECRETO 16 ottobre 2013
  Adozione Avviso n. 4/2013 per il finanziamento di un progetto riguardante la realizzazione delle indagini familiari e l'organizzazione del rimpatrio assistito dei minori stranieri non accompagnati presenti sul territorio dello Stato italiano.  
 
  Vigente al 18/09/2019 


 
  urn:nir:ministero.lavoro.politiche.sociali:decreto:2013-10-16;nir-nnn

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

VISTO il Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165  , recante "Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche", e successive modificazioni ed integrazioni;

VISTO il Decreto legge 16 maggio 2008, n. 85  , convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n.121  , recante "Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244  ";

VISTA la L. 13 novembre 2009, n. 172  , recante "Istituzione del Ministero della Salute e incremento del numero complessivo dei Sottosegretari di Stato";

VISTO il D.P.R. 7 aprile 2011, n. 144  , recante il "Regolamento di riorganizzazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali";

VISTA la legge 24 dicembre 2012, n. 229  , recante il "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2013 e per il triennio 2013-2015";

VISTO il decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 31 dicembre 2012, concernente la ripartizione in capitoli delle unità di voto parlamentare relative al bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2013 e per il triennio 2013-2015 ed, in particolare, la Tabella 4;

VISTO il decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 30 gennaio 2013 di assegnazione delle risorse umane e finanziarie per l'anno 2013 ai dirigenti degli uffici dirigenziali di livello generale, titolari dei centri di responsabilità amministrativa, recante il visto di regolarità dell'Ufficio Centrale del Bilancio n. 185 del 4 febbraio 2013;

VISTO il D.I. del 26.6.2013, registrato dalla Corte dei Conti in data 1.8.2013, registro n. 11, foglio n. 219, relativo al riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali per l'anno 2013;

VISTO il decreto n. 73521 adottato dal Ministro dell'Economia e delle Finanze in data 24.9.2013, con il quale, in attuazione del decreto citato al capoverso precedente, è stata disposta l'assegnazione della somma di € 6.250.000,00 sul capitolo 3783 "Fondo nazionale per le politiche migratorie" - Missione 27 "Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti" - Programma 27.6 "Flussi migratori per motivi di lavoro e politiche di integrazione sociale delle persone immigrate" - CDR "Direzione generale dell'immigrazione e delle politiche di integrazione" - Macroaggregato "Interventi", dello stato di previsione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l'anno finanziario 2013;

VISTO il D.L.vo 25.7.1998, n. 286  , e successive modificazioni ed integrazioni, recante il testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, e, segnatamente, l' art. 33  , il quale prevede l'istituzione del Comitato per i minori stranieri, al fine di tutelare i diritti dei minori stranieri, in conformità alle previsioni della Convenzione sui diritti del fanciullo del 20.11.1989, ratificata e resa esecutiva ai sensi della L. 27.5.1991, n. 176  ;

VISTO il D.P.C.M. 9.12.1999, n. 535  , "Regolamento concernente i compiti del Comitato per i minori stranieri", e, in particolare, l 'art. 2, comma 2, lettera f)  , il quale stabilisce che il Comitato può proporre al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali la stipula di apposite convenzioni con idonei organismi nazionali ed internazionali, al fine di promuovere l'individuazione dei familiari dei minori presenti non accompagnati, anche nei loro Paesi d'origine o in Paesi terzi, nonché l' art. 4  , secondo il quale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali può finanziare programmi finalizzati al rimpatrio assistito dei minori presenti non accompagnati, proposti dal Comitato;

VISTO l' art. 12, comma 20, del D.L. 6 luglio 2012, n. 95  , recante "Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini nonché misure di rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore bancario" convertito, con modificazioni, nella legge 7 agosto 2012, n. 135  , il quale prevede che a decorrere dalla data di scadenza degli organismi collegiali operanti presso le pubbliche amministrazioni, in regime di proroga ai sensi dell' articolo 68, comma 2, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112  , convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133  , le attività svolte dagli organismi stessi sono definitivamente trasferite ai competenti uffici delle amministrazioni nell'ambito delle quali operano;

CONSIDERATO che il Comitato per i minori stranieri, in quanto organismo collegiale in proroga, ha cessato in data 2 agosto 2012 le proprie attività ai sensi del sopracitato art. 12, comma 20  , con conseguente trasferimento delle medesime alla Direzione Generale dell'immigrazione e delle politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali;

ACCERTATO, sulla base delle segnalazioni pervenute ai sensi dell' art.5 del citato D.P.C.M. n.535/1999  , che sono presenti sul territorio dello Stato italiano circa 6.200 minori stranieri non accompagnati, provenienti da numerosi Paesi terzi, per i quali, in ragione della loro particolare vulnerabilità, occorre assicurare il puntuale espletamento dei compiti attribuiti al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali;

RILEVATA, pertanto, l'esigenza di attivare una procedura pubblica finalizzata all'individuazione di un soggetto idoneo a svolgere le attività di indagini familiari e l'organizzazione del rimpatrio assistito dei minori stranieri non accompagnati;

VISTO l' art. 12 della L. 7.08.1990, n. 241  , e successive modificazioni ed integrazioni, il quale subordina l'adozione dei provvedimenti attributivi di vantaggi economici alla predeterminazione ed alla pubblicazione da parte delle amministrazioni procedenti dei criteri e delle modalità cui le amministrazioni stesse devono attenersi;

RILEVATA, pertanto, la necessità di definire, in ossequio alla normativa sopra citata, le specifiche relative all'articolazione ed ai contenuti delle proposte progettuali per la realizzazione delle indagini familiari e l'organizzazione del rimpatrio assistito dei minori stranieri non accompagnati presenti sul territorio dello Stato italiano, ai criteri di selezione e valutazione delle stesse, alle modalità di assegnazione ed erogazione del contributo, alle procedure di avvio, attuazione e rendicontazione dell'intervento finanziato;

DECRETA


 

Per le ragioni in premessa indicate, è adottato l'allegato "Avviso n. 4/2013 per il finanziamento di un progetto riguardante la realizzazione delle indagini familiari e l'organizzazione del rimpatrio assistito dei minori stranieri non accompagnati presenti sul territorio dello Stato italiano".

La procedura di cui al capoverso precedente sarà esperita dalla Divisione I della Direzione Generale dell'immigrazione e delle politiche di integrazione.

Al presente decreto sarà data pubblicità nelle forme previste dall' art. 32 della L. 18 giugno 2009, n. 69  , mediante pubblicazione sul sito istituzionale www.lavoro.gov.it , unitamente all'avviso ed alla relativa modulistica.

Avverso il presente decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro centoventi giorni dalla stessa data.


Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

 

Roma, lì 16.10.2013

Il Direttore Generale dell'Immigrazione e delle politiche di integrazione: Natale Forlani



ALLEGATI:  
- Allegato 1   -

 
- Allegato 2   -

 
- Allegato 3   -

 

Modello A 1: dichiarazione di partecipazione al partenariato

http://www.lavoro.gov.it/Strumenti/bandi/Documents/Modello_A1_%20Avviso_4_2013.doc

 
- Allegato 4   -

 

Modello B: dichiarazioni sostitutive ex artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000

http://www.lavoro.gov.it/Strumenti/bandi/Documents/Modello_B_Avviso_4_2013.doc

 
- Allegato 5   -

 

Modello C: scheda anagrafica del soggetto proponente e degli eventuali partner

http://www.lavoro.gov.it/Strumenti/bandi/Documents/Modello_C_Avviso%204_2013.doc

 
- Allegato 6   -

 
- Allegato 7   -