Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE  
DECRETO 5 agosto 2016, n. 42
  Cofinanziamento nazionale del progetto «Mediterranean Coast Guard Fuctions Forum 2016» - MCGFF, ai sensi della legge n. 183/1987  .  
  Pubblicato in GU, n. 221 del 21/09/2016
  Vigente al 18/09/2019 


 
  urn:nir:ministero.economia.finanze:decreto:2016-08-05;42

L'ISPETTORE GENERALE CAPO

per i rapporti finanziari con l'Unione europeaVista la legge 16 aprile 1987, n. 183  , concernente il coordinamento delle politiche riguardanti l'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee e l'adeguamento dell'ordinamento interno agli atti normativi comunitari;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1988, n. 568  e successive modificazioni ed integrazioni, recante il regolamento sulla organizzazione e sulle procedure amministrative del Fondo di rotazione, di cui alla predetta legge n. 183/1987  ;

Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52  , concernente disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee (legge comunitaria 1994);

Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144  , che, all'art. 3, ha previsto il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e finanziaria, già attribuiti al CIPE, alle Amministrazioni competenti per materia;

Vista la delibera CIPE n. 141/99 del 6 agosto 1999, concernente il riordino delle competenze del CIPE, che devolve al Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica - d'intesa con le Amministrazioni competenti - la determinazione della quota nazionale pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative cofinanziate dall'Unione europea;

Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all'attribuzione delle quote di cofinanziamento nazionale a carico della legge n. 183/1987  per gli interventi di politica comunitaria che, al fine di assicurare l'intesa di cui alla predetta delibera CIPE n. 141/99, ha istituito un apposito Gruppo di lavoro presso il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E.;

Vista la delibera CIPE n. 89/2000 del 4 agosto 2000, concernente direttive generali per l'intervento del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie, di cui alla legge n. 183/1987  , a favore di programmi, progetti e azioni in regime di cofinanziamento con l'Unione europea;

Visto il regolamento (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'Unione europea del 15 maggio 2014, relativo al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) che abroga i regolamenti (CE) n. 2328/2003 , (CE) n. 861/2006 , (CE) n. 1198/2006 e (CE) n. 791/2007 del Consiglio e il regolamento (UE) n. 1255/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio;

Visto, in particolare, l'art. 82 del predetto regolamento (UE) n. 508/2014 che, nell'ambito delle misure finanziate in regime di gestione diretta dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP), prevede quella della promozione dello sviluppo e dell'attuazione di una governance integrata degli affari marittimi e costieri;

Visto il Grant Agreement EASME/EMFF/2016/1.2.1.8/SI2.733974 per la realizzazione del progetto «Mediterranean Coast Guard Fuctions Forum 2016» - MCGFF, sottoscritto in data 22 giugno 2016, tra la Commissione europea (Executive Agency for small and Medium-sized Enterprise (EASME) e la Guardia Costiera Italiana (Corpo delle Capitanerie di Porto), in qualita' di «Beneficiario» del progetto, per l'organizzazione della Conferenza annuale del Mediterraneo, avente come scopo il mantenimento ed il miglioramento della cooperazione regionale nel bacino del Mar Mediterraneo, l'esame delle questioni comuni riguardanti le funzioni della Guardia Costiera per assicurare la sicurezza marittima, il controllo della pesca e la protezione dell'ambiente;

Visto, altresi', il medesimo Grant Agreement n. ASME/EMFF/2016/1.2.1.8/SI2.733974, che nell'Annex III - Estimated Budget stabilisce il totale delle spese ammissibili stimate dell'azione per la realizzazione del progetto «Mediterranean Coast Guard Fuctions Forum 2016» - MCGFF, determinate in complessivi 100.083,00 euro, di cui l'80% a carico del bilancio comunitario e il restante 20% a carico dello Stato Membro;

Vista la nota del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Comando Generale del Corpo delle capitanerie di porto n. 0086136 del 12 luglio 2016 - che richiede l'attivazione del cofinanziamento nazionale per l'attuazione del progetto «Mediterranean Coast Guard Fuctions Forum 2016» - MCGFF per l'importo di euro 20.016,60;

Considerata la necessita' di ricorrere per tale fabbisogno alle disponibilita' del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie, di cui alla legge n. 183/1987  ;

Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E., di cui al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000, nella riunione del 22 luglio 2016;

Decreta:


 

1. Il cofinanziamento nazionale pubblico, a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987  , per la realizzazione del progetto «Mediterranean Coast Guard Fuctions Forum 2016» - MCGFF, di cui in premessa, relativo alla quota parte di competenza del Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, e' pari ad euro 20.016,00.

2. Il Fondo di rotazione eroga la quota a proprio carico secondo la normativa vigente, sulla base delle richieste inoltrate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.

3. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto effettua tutti i controlli circa la sussistenza, anche in capo ai beneficiari, dei presupposti e dei requisiti di legge che giustificano le erogazioni di cui al punto 2, nonche' verifica che i finanziamenti comunitari e nazionali siano utilizzati entro le scadenze previste ed in conformita' alla normativa comunitaria e nazionale vigente.

4. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto comunica al Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E. eventuali riduzioni di risorse operate dalla Commissione europea, al fine di adeguare la corrispondente quota a carico del Fondo stesso.

5. In caso di restituzione, a qualunque titolo, di risorse comunitarie alla Commissione europea il predetto Ministero si attiva anche per la restituzione al Fondo di rotazione delle corrispondenti quote di cofinanziamento nazionale già erogate.

6. Al termine dell'intervento il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto comunica al Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E. la situazione finale sull'utilizzo delle risorse comunitarie e nazionali, con evidenza degli importi riconosciuti dalla Commissione europea e delle eventuali somme da disimpegnare a valere sull'autorizzazione di spesa a carico del Fondo di rotazione, di cui al punto 1 del presente decreto.

7. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e successivamente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.


 

Roma, 5 agosto 2016

L'Ispettore generale capo: Di Nuzzo