Regione Toscana
Norma

 
SOCIETA' DELLA SALUTE DI FIRENZE  
DELIBERAZIONE 21 maggio 2008, n. 17
  Oggetto: Approvazione schema Protocollo di Intesa tra Comune di Firenze e Ministero dell'Interno relativo all'assistenza ai cittadini stranieri nella compilazione delle domande per ricongiungimento familiare nell'ambito della procedura informatizzata avviata il 10 aprile 2008 dal Ministero dell'Interno.  
 


 
  urn:nir:societa.salute.firenze:deliberazione:2008-05-21;17

L'Esecutivo della Società della Salute di Firenze

PREMESSO che:

- con le deliberazioni del Consiglio Comunale n. 919/121 del 17 novembre 2003 e del Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria di Firenze n. 814 del 28 novembre 2003 sono stati approvati la Convenzione costitutiva e lo Statuto del Consorzio pubblico tra Comune di Firenze e Azienda Sanitaria di Firenze denominato "Società della Salute di Firenze";

- a seguito della stipula, in data 26 luglio 2004, della Convenzione costitutiva da parte degli enti consorziati con propria deliberazione n.1 del 30 luglio 2004 si è insediata la Giunta Consortile e sono stati nominati i componenti dell'Esecutivo;

- con la sottoscrizione della convenzione costitutiva, la SdS è subentrata agli enti consorziati nelle funzioni di indirizzo, programmazione e governo delle attività socio assistenziali, socio sanitarie, sanitarie territoriali e specialistiche di base di rispettiva competenza nel territorio corrispondente alla zona-distretto di Firenze;

- con le deliberazioni del Consiglio Comunale n. 50 del 17 luglio 2006 e del Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria di Firenze n. 542 del 19 luglio 2006 è stata prorogata fino al 31 dicembre 2007 l'attività sperimentale del Consorzio ed è stata altresì disposta la proroga parziale dell'Accordo di Programma Comune/Azienda Sanitaria di Firenze sottoscritto in data 29 dicembre 2000;

- in data 25 luglio 2006 sono state sottoscritte, da parte degli enti consorziati, le modifiche ed integrazioni alla Convenzione costitutiva, approvate con i sopra citati atti del Consiglio Comunale e dall'Azienda Sanitaria;

- con propria deliberazione n. 17 del 21 novembre 2007, la SdS ha proposto agli enti consorziati di la proroga di 4 mesi, fino al 30 aprile 2008, della durata sperimentale della Società della Salute di Firenze, stabilendo altresì che, dopo tale data e nelle more degli adeguamenti di carattere normativo finalizzati alla revisione dell'assetto organizzativo e di governo dei servizi sociosanitari territoriali, la SdS assicurerà la continuità delle attività del Consorzio sino al termine che sarà stabilito dalla Regione toscana per conformare al nuovo assetto normativo gli atti fondamentali del Consorzio;

- con le deliberazioni del Consiglio Comunale n. 77 del 10 dicembre 2007 e del Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria n. 1014 del 28 dicembre 2007 gli Enti consorziati hanno aderito alla suddetta proposta di proroga del Consorzio;

RICHIAMATO

il Piano Integrato di Salute (PIS), approvato con le deliberazioni del Consiglio Comunale n. 110 del 5 dicembre 2005 e del Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria di Firenze n. 863 del 23 dicembre 2005, quale strumento previsto dalla normativa regionale vigente di programmazione integrata delle politiche sociali e sanitarie;

RICHIAMATE

le deliberazioni della Giunta SdS:

- n. 18 del 12 dicembre 2007 ("Approvazione indirizzi per la predisposizione del Piano Integrato di Salute 2008-2010");

- n. 4 del 20 febbraio 2008 ("Bilancio virtuale SdS: autorizzazione ad assumere atti gestionali nelle more dell'approvazione del PIS 2008-2010 e del POA 2008");

PREMESSO CHE:

- il Comune di Firenze è da anni impegnato sulle tematiche dell'integrazione e dell'informazione ai cittadini italiani e stranieri sulle normative di ingresso e soggiorno in Italia, avendo sottoscritto nel maggio 2005 un protocollo d'intesa con la Prefettura di Firenze - Consiglio Territoriale per l'Immigrazione - per l'espletamento di attività informazione connesse nello specifico al supporto ed alla raccolta della documentazione necessaria per l'attivazione del procedimento di nulla osta al ricongiungimento familiare;

- il servizio del Comune di Firenze, organizzato su appuntamento su diverse sedi dislocate sul territorio comunale (Infopoint Migranti, Direzione 18, Via Verdi, Ufficio Immigrati - Quartiere 4, URP 2 e 4) controllava la documentazione e "siglava" la richiesta che veniva inviata per Posta dal richiedente allo Sportello Unico per l'Immigrazione della Prefettura, garanzia di maggiore speditezza e controllo e che in tal modo ha trattato, per il 2007, circa 600 richieste di ricongiungimento familiare, la stragrande maggioranza di esse giunte al termine positivamente;

CONSIDERATO CHE:

- il Ministero dell'Interno è il soggetto responsabile delle politiche di ingresso e permanenza degli stranieri in Italia e, in particolar modo, dei procedimenti di richiesta di Nulla Osta al ricongiungimento familiare;

- rientra tra le priorità politiche e le linee strategiche ministeriali, la progettazione e lo sviluppo di strutture polifunzionali per l'immigrazione, nonché la progressiva ed ordinata integrazione degli immigrati regolari;

- dal 10 aprile 2008, con Circolari del Ministero dell'Interno n. 1575  e 1639  del 2008 il procedimento di richiesta di Nulla Osta al Ricongiungimento familiare, può essere effettuato esclusivamente per via telematica;

- l'utente straniero per la presentazione delle domande di cui sopra, si può avvalere dell'assistenza delle associazioni nazionali rappresentative dei datori di lavoro, delle organizzazioni sindacali, e delle associazioni autorizzate ad accedere al sistema, con i quali il Ministero dell'Interno ha siglato appositi accordi e protocolli d'intesa;

ATTESO CHE:

- gli Enti Locali sono rimasti esclusi dall'intervento sulle pratiche telematiche di cui alle sopracitate Circolari e pertanto, a partire dal 10 aprile 2008, il Comune di Firenze ha sospeso ogni assistenza e supporto alle richieste diche trattasi;

- numerosi Comuni italiani hanno richiesto di effettuare, su base volontaria e gratuita, di potere effettuare il servizio di assistenza nella compilazione delle domande nell'ambito della nuova procedura informatizzata;

- il Comune di Firenze ha espresso la propria volontà di effettuare tale servizio di assistenza con nota prot. n. 96/2008, dell'Assessore alle Politiche e Interventi per l'Accoglienza e Integrazione;

CONSIDERATO CHE:

- la procedura telematica di che trattasi richiede specifiche credenziali di autenticazione concesse per il tramite del Prefetto territorialmente competente e la cui gestione deve avvenire nel massimo rispetto delle garanzie di sicurezza da parte del soggetto richiedente;

- il Ministero dell'Interno, accogliendo le richieste dei Comuni, ha predisposto apposito schema di Protocollo d'Intesa;

VISTO

lo schema di Protocollo di Intesa, predisposto dal Ministero dell'interno avente ad oggetto: "collaborazione riguardante i procedimenti di nulla osta al ricongiungimento familiare di competenza dello sportello unico per l'immigrazione", e allegato quale parte integrante e sostanziale del presente atto;

RITENUTO di approvare lo schema di protocollo d'intesa più volte richiamato;

DATO ATTO che:

- alla sottoscrizione del Protocollo provvederà, per il Comune di Firenze, l'Assessore al Terzo Settore, Accoglienza ed Integrazione, dr.ssa Lucia De Siervo;

- all'interno della struttura Comunale, quale referente tecnico, con funzione di interfaccia con il Ministero dell'Interno per la fornitura delle credenziali di autenticazione ed accreditamento, viene individuata la dott.ssa Giuseppina Bonanni, del Comune di Firenze - Direzione 18;

PRESO ATTO

del parere favorevole relativo alla regolarità tecnica del presente provvedimento, ai sensi e per gli effetti dell' articolo 49 del decreto legislativo n. 267/00  ;

Con le modalità degli artt. 13 e 18 dello Statuto;

DELIBERA


 

per i motivi espressi in narrativa

1) di approvare lo schema di Protocollo d'Intesa, predisposto dal Ministero dell'Interno e avente ad oggetto "Collaborazione riguardante i procedimenti di nulla osta al ricongiungimento familiare di competenza dello sportello unico per l'immigrazione", allegato quale parte integrante e sostanziale del presente atto;

2) di dare atto che:

- alla sottoscrizione del Protocollo provvederà, per il Comune di Firenze, l'Assessore al Terzo Settore, Accoglienza ed Integrazione, dr.ssa Lucia De Siervo;

- all'interno della struttura Comunale, quale referente tecnico, con funzione di interfaccia con il Ministero dell'Interno per la fornitura delle credenziali di autenticazione ed accreditamento, viene individuata la dott.ssa Giuseppina Bonanni, del Comune di Firenze - Direzione 18;

3) di dare pubblicità alla presente deliberazione mediante affissione all'Albo Pretorio del Comune ove vi rimarrà affisso per dieci giorni consecutivi;

4) di trasmettere copia del presente atto agli enti aderenti.


 

Firenze, 21 maggio 2008

Il Presidente: Graziano Cioni



ALLEGATI:  
- Allegato   -