Regione Toscana
Norma

 
DECRETO LEGISLATIVO 22 dicembre 2017, n. 220
  Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142  , di attuazione della direttiva 2013/33/UE recante norme relative all'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale nonche' della direttiva 2013/32/UE recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale.  
  Pubblicato in GU, n. 12 del 06/01/2018
  Vigente al 18/09/2019 


  Vigente dal: 31/01/2018
  urn:nir:stato:decreto.legislativo:2017-12-22;220

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76  e 87  della Costituzione ;

Vista la direttiva 2013/33/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2013, recante norme relative all'accoglienza dei richiedenti la protezione internazionale (rifusione);

Vista la direttiva 2013/32/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2013, recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale (rifusione);

Vista la legge 7 ottobre 2014, n. 154  , recante delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - legge di delegazione europea 2013 - secondo semestre, che ha delegato il Governo a recepire le citate direttiva 2013/33/UE e 2013/32/UE , comprese nell'elenco di cui all'allegato B della medesima legge secondo i principi e criteri direttivi di cui agli articoli 31 e 32 della legge 24 dicembre 2012, n. 234  ;

Visto, in particolare, l' articolo 31, comma 5, della legge 24 dicembre 2012, n. 234  , che autorizza il Governo ad adottare disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi adottati sulla base della delega conferita con la citata legge 7 ottobre 2014, n. 154  , entro ventiquattro mesi dall'entrata in vigore dei medesimi decreti legislativi;

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400  , recante disciplina dell'attivita' di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri;

Visto il decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286  , recante il testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 19 novembre 2007, n. 251  , recante attuazione della direttiva 2004/83/CE recante norme minime sull'attribuzione, a cittadini di Paesi terzi o apolidi, della qualifica di rifugiato o di persona altrimenti bisognosa di protezione internazionale nonche' norme minime sul contenuto della protezione riconosciuta, e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25  , recante attuazione della direttiva 2005/85/CE recante norme minime per le procedure applicate negli Stati membri ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di rifugiato e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142  , di attuazione della direttiva 2013/33/UE recante norme relative all'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale nonche' della direttiva 2013/32/UE recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale;

Visto il decreto-legge 17 febbraio 2017, n. 13  , convertito, con modificazioni, dalla legge 13 aprile 2017, n. 46  ;

Vista la legge 7 aprile 2017, n. 47  , recante disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394  , e successive modificazioni, recante il regolamento di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, a norma dell' articolo 1, comma 6, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286  ;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 2015, n. 21  , recante il regolamento relativo alle procedure per il riconoscimento e la revoca della protezione internazionale a norma dell' articolo 38, comma 1, del decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25  ;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 28 settembre 2017;

Acquisito il parere della Conferenza unificata di cui all' articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281  , espresso nella seduta del 16 novembre 2017;

Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;

Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 18 dicembre 2017;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri degli affari esteri e della cooperazione internazionale, della giustizia, della salute, del lavoro e delle politiche sociali e dell'economia e delle finanze;

Emana

il seguente decreto legislativo:


   
  Art. 1 

Modifiche al decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25 

 
  1.  Al decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25  , e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
   a)  all' articolo 4  :
   1)  
il comma 1 , e' sostituito dai seguenti: «  
 
  1.  Le Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale, di seguito Commissioni territoriali, sono insediate presso le prefetture - uffici territoriali del Governo che forniscono il necessario supporto organizzativo e logistico, con il coordinamento del Dipartimento per le liberta' civili e l'immigrazione del Ministero dell'interno.
 
  1-bis.  A ciascuna Commissione territoriale e' assegnato un numero di funzionari amministrativi con compiti istruttori non inferiore a quattro individuati nell'ambito del contingente di personale altamente qualificato per l'esercizio di funzioni di carattere specialistico di cui all' articolo 12 del decreto-legge 17 febbraio 2017, n. 13  , convertito, con modificazioni, dalla legge 13 aprile 2017, n. 46  .
»;
   2)  
al comma 2, il secondo periodo e' sostituito dal seguente: «  
Con decreto del Ministro dell'Interno, sentita la Commissione nazionale per il diritto di asilo, sono individuate le sedi e le circoscrizioni territoriali in cui operano le Commissioni, in modo da assicurarne la distribuzione sull'intero territorio nazionale.
»;
   3)  
al comma 2-bis, le parole da: «  
una o piu' sezioni
» fino alla fine del comma sono sostituite dalle seguenti: «  
una o piu' sezioni fino a un numero massimo complessivo di trenta per l'intero territorio nazionale. Alle sezioni si applicano le disposizioni concernenti le Commissioni territoriali.
»;
   4)  
il comma 3 e' sostituito dal seguente: «  
 
  3.  Le Commissioni territoriali sono composte, nel rispetto del principio di equilibrio di genere, da un funzionario della carriera prefettizia, con funzioni di presidente, nominato con decreto del Ministro dell'interno, sentita la Commissione nazionale, da un esperto in materia di protezione internazionale e di tutela dei diritti umani designato dall'UNHCR e dai funzionari amministrativi con compiti istruttori assegnati alla medesima Commissione ai sensi del comma 1-bis, nominati con provvedimento del Capo Dipartimento per le liberta' civili e l'immigrazione del Ministero dell'interno, sentita la Commissione nazionale. Il presidente della Commissione svolge l'incarico in via esclusiva. Il decreto di nomina puo' prevedere che la funzione di presidente delle sezioni o di alcune di esse sia svolta in via esclusiva. Il provvedimento di nomina dei componenti della Commissione territoriale e' adottato previa valutazione dell'insussistenza di motivi di incompatibilita' derivanti da situazioni di conflitto di interesse, diretto o indiretto, anche potenziale. Per ciascun componente con funzioni di presidente e per il componente designato dall'UNHCR sono nominati uno o piu' componenti supplenti. L'incarico ha durata triennale ed e' rinnovabile. Alle sedute della Commissione partecipano il funzionario prefettizio con funzioni di presidente, l'esperto designato dall'UNHCR e due dei funzionari amministrativi con compiti istruttori assegnati alla medesima Commissione ai sensi del comma 1-bis, tra cui il funzionario che ha svolto il colloquio ai sensi dell'articolo 12, comma 1-bis. Il presidente della Commissione fissa i criteri per l'assegnazione delle istanze ai funzionari amministrativi con compiti istruttori e per la partecipazione dei medesimi funzionari alle sedute della Commissione. Le Commissioni territoriali possono essere integrate, su richiesta del presidente della Commissione nazionale per il diritto di asilo, da un funzionario del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale come componente a tutti gli effetti, quando, in relazione a particolari afflussi di richiedenti protezione internazionale, sia necessario acquisire specifiche valutazioni di competenza del predetto Ministero in merito alla situazione dei Paesi di provenienza. Ove necessario, le Commissioni possono essere presiedute anche da funzionari della carriera prefettizia in posizione di collocamento a riposo da non oltre due anni. Al presidente ed ai componenti effettivi o supplenti e' corrisposto, per la partecipazione alle sedute della Commissione, un gettone giornaliero di presenza. L'ammontare del gettone di presenza e' determinato con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze.
»;
   5)  
al comma 4, dopo le parole: «  
con la presenza della maggioranza dei componenti
» sono inserite le seguenti: «  
di cui al comma 3, settimo periodo,
» ed e' aggiunto, in fine, il seguente periodo: «  
Le medesime disposizioni si applicano nel caso di integrazione delle Commissioni territoriali ai sensi del comma 3, nono periodo.
»;
   b)  
all'articolo 5, comma 1, primo periodo, dopo le parole: «  
di formazione e aggiornamento dei componenti delle medesime Commissioni,
» sono inserite le seguenti: «  
di monitoraggio della qualita' delle procedure e dell'attivita' delle Commissioni,
»;
   c)  
all'articolo 12, il comma 1-bis e' sostituito dal seguente: «  
 
  1-bis.  Il colloquio si svolge di norma alla presenza del componente funzionario amministrativo con compiti istruttori della domanda di protezione, ove possibile dello stesso sesso del richiedente. Il funzionario istruttore sottopone la proposta di deliberazione alla Commissione che decide ai sensi dell'articolo 4, comma 4. Su determinazione del Presidente, o su richiesta dell'interessato, preventivamente informato, il colloquio si svolge innanzi alla Commissione ovvero e' condotto dal Presidente.
».
 
 
  Art. 2 

Disposizioni in materia di accoglienza e di minori non accompagnati

 
  1.  Al decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142  , sono apportate le seguenti modificazioni:
   a)  
all' articolo 10, comma 1  , il secondo periodo e' sostituito dal seguente: «  
Sono adottate misure idonee a prevenire ogni forma di violenza, anche di genere, e a garantire la sicurezza e la protezione dei richiedenti e del personale che opera presso i centri.
»;
   b)  
all'articolo 19, il comma 5  e' sostituito dal seguente: «  
 
  5.  L'autorita' di pubblica sicurezza da' immediata comunicazione della presenza di un minore non accompagnato al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni e al Tribunale per i minorenni per l'apertura della tutela e la nomina del tutore ai sensi degli articoli 343 e seguenti del codice civile e delle relative disposizioni di attuazione del medesimo codice, in quanto compatibili, e per la ratifica delle misure di accoglienza predisposte, nonche' al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, con mezzi idonei a garantirne la riservatezza, al fine di assicurare il censimento e il monitoraggio della presenza dei minori non accompagnati. Il provvedimento di nomina del tutore e gli altri provvedimenti relativi alla tutela sono adottati dal presidente del tribunale per i minorenni o da un giudice da lui delegato. Il reclamo contro tali provvedimenti si propone al collegio a norma dell'articolo 739 del codice di procedura civile . Del collegio non puo' far parte il giudice che ha emesso il provvedimento reclamato.
»;
   c)  all' articolo 19-bis  :
   1)  
dopo il comma 3 e' aggiunto il seguente: «  
 
  3-bis.  Le autorita' di pubblica sicurezza consultano, ai fini dell'accertamento dell'eta' dichiarata, il sistema informativo nazionale dei minori stranieri non accompagnati istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali nonche' le altre banche dati pubbliche che contengono dati pertinenti, secondo le modalita' di accesso per esse previste.
»;
   2)  
al comma 9, dopo le parole: «  
Il provvedimento di attribuzione dell'eta'
» sono inserite le seguenti: «  
e' emesso daltribunale per i minorenni ed
» e le parole: «  
degli articoli 737 eseguenti
» sono sostituite dalle seguenti: «  
dell'articolo 739
» nonche', in fine, dopo le parole «  
procedure di identificazione
» sono aggiunte le seguenti: «  
ed al Ministero del lavoro e delle politiche sociali ai fini dell'inserimento dei dati nel sistema informativo nazionale dei minori stranieri non accompagnati
».
 
  2.  All' articolo 26 del decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25  , sono apportate le seguenti modificazioni:
   a)  al comma 5  :
   1)  
al primo periodo, le parole: «  
e al giudice tutelare
» sono soppresse e dopo le parole: «  
codice civile
» sono inserite le seguenti: «  
, in quanto compatibili
»;
   2)  
al secondo periodo, le parole: «  
giudice tutelare
» sono sostituite dalle seguenti: «  
tribunale per i minorenni
»;
   b)  
al comma 6  , le parole: «  
ed al giudice tutelare
» sono soppresse.
 
  3.  All' articolo 11, della legge 7 aprile 2017, n. 47  , sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 1 :
   1)  
al primo periodo le parole: «  
quando la tutela riguarda fratelli o sorelle
» sono sostituite dalle seguenti: «  
nel numero massimo di tre, salvo che sussistano specifiche e rilevanti ragioni.
»;
   2)  
sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: «  
L'Autorita'garante per l'infanzia e l'adolescenza monitora lo stato di attuazione delle disposizioni del presente articolo. A tal fine i garanti regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano collaborano costantemente con l'Autorita' garante per l'infanzia e l'adolescenza alla quale presentano, con cadenza bimestrale, una relazione sulle attivita' realizzate.
»;
   b)  
al comma 2 , le parole: «  
titolo IX
» sono sostituite dalle seguenti: «  
titolo X, capo I,
».
 
  4.   
All' articolo 19-bis del decreto-legge 17 febbraio 2017, n. 13  , convertito, con modificazioni, dalla legge 13 aprile 2017, n. 46  , sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «  
, ad eccezione delle disposizioni che attribuiscono competenza alle sezioni specializzate in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea, delle disposizioni che disciplinano procedimenti giurisdizionali nonche' di quelle relative ai procedimenti amministrativi innanzi alle Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale e alla Commissione nazionale per il diritto di asilo. Resta fermo quanto previsto dall' articolo 18, comma 2-ter, del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142  .
».
 
 
  Art. 3 

Clausola di invarianza finanziaria

 
  1.  Dall'attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Le Amministrazioni interessate provvedono all'attuazione dei compiti derivanti dal presente decreto con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.
 
 
  Art. 4 

Disposizioni transitorie

 
  1.  Fino alla nomina dei componenti di cui al contingente di personale altamente qualificato per l'esercizio di funzioni di carattere specialistico di cui all' articolo 12 del decreto-legge 17 febbraio 2017, n. 13  , convertito, con modificazioni, dalla legge 13 aprile 2017, n. 46  , le Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale di cui all' articolo 4 del decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25  , continuano ad operare nella composizione e con le modalita' vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto.
 
  2.  Le disposizioni di cui all' articolo 2, comma 1, lettera b)  , e comma 2  , si applicano in relazione alle comunicazioni effettuate dopo il trentesimo giorno dalla data di entrata in vigore del presente decreto; le disposizioni di cui all' articolo 2, comma 1, lettera c), numero 2)  , si applicano in relazione agli esami socio-sanitari disposti dopo la data di entrata in vigore del presente decreto.
 

Il presente decreto, munito del sigillo di Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
 

Dato a Roma, addi' 22 dicembre 2017

MATTARELLA

Gentiloni Silveri, Presidente del Consiglio dei ministri

Minniti, Ministro dell'interno

Alfano, Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale

Orlando, Ministro della giustizia

Lorenzin, Ministro della salute

Poletti, Ministro del lavoro e delle politiche sociali

Padoan, Ministro dell'economia e delle finanze

Visto, il Guardasigilli: Orlando