Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DELL'INTERNO COMMISSIONE NAZIONALE PER IL DIRITTO D'ASILO  
CIRCOLARE 25 gennaio 2013, n. 182
  OGGETTO: Commissioni Territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale e relative Sezioni.  
 


 
  urn:nir:ministero.interno:circolare:2013-01-25;182

AI SIGG. PREFETTI DI ANCONA BOLOGNA CALTANISSETTA CATANIA FIRENZE VERONA

AI SIGG. PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI TERRITORIALI PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE - LORO SEDI

e, p.c. AL CAPO DIPARTIMENTO PER LE LIBERTA' CIVILI E L'IMMIGRAZIONE - ROMA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Segreteria del Dipartimento Direzione Centrale dell'lmmigrazione e della Polizia di Frontiera - ROMA

AI SIGG. PREFETTI DELLA REPUBBLICA - LORO SEDI

AI SIGG. QUESTORI DELLA REPUBBLICA - LORO SEDI

AL DIPARTIMENTO PER LE LIBERTA' CIVILI E L'IMMIGRAZIONE - Ufficio VI - ROMA


 

Si fa seguito alla nota n. 5902 del 20 dicembre 2012  e ai Decreti ministeriali del 22 gennaio 2013 che, ai sensi dell' O.P.C.M. 33  , nel dettare disposizioni in ordine alla cessazione dello stato di emergenza umanitaria, dispongono che le "...cinque sezioni istituite nell'ambito delle Commissioni Territoriali ai sensi dell' art. 2 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3958 del 10 agosto 2011  continuano ad operare fino alla conclusione della procedura e comunque non oltre il 30 giugno 2013".

Sono cessate, pertanto, le Sezioni delle Commissioni Territoriali operanti a Bari, Crotone, Foggia, Milano, Mineo, Torino, Trapani, Verona nonché a Firenze, le cui funzioni saranno esercitate dalla seconda Sezione di Roma.

Con i citati D.M., sono state istituite, con operatività sino al 30 giugno 2013, le Sezioni di Caserta, Roma I e Roma II, nonché la Sezione della Commissione Territoriale di Siracusa, operante in sede distaccata a Caltanissetta, e la Sezione della Commissione Territoriale di Torino, operante in sede distaccata a Bologna.

Sempre con i citati D.M. è stato disposto il trasferimento, altresì, alla Commissione Territoriale di Roma, sino al 30 giugno 2013, della competenza all'esame delle istanze di protezione internazionale presentate nelle regioni Abruzzo e Marche, precedentemente assegnate alla Commissione Territoriale di Caserta.

Al riguardo, pertanto, la Commissione Territoriale di Caserta provvedere ad annullare le convocazioni eventualmente già programmate dei richiedenti asilo provenienti dalle suddette Regioni. Il Presidente della Commissione Territoriale di Roma provvedere, con propria disposizione organizzativa, a stabilire le modalità di funzionamento della Sezione Roma II competente all'esame delle istanze di asilo dei richiedenti provenienti dalle Regioni Toscana e Marche, nonché a programmare, in sede, l'esame di quelle provenienti dalla Regione Abruzzo.

Il Presidente della Commissione Territoriale di Siracusa provvedere a trasferire presso la neo istituita Sezione di Caltanissetta le istanze provenienti dai richiedenti asilo ospitati nel C.A.R.A. e nel C.I.E. di Caltanissetta.

Per quanto concerne le procedure di cessazione dell'attività delle Sezioni in sede distaccata, si dispone quanto segue.

Il Presidente della Sezione di Verona provvederà al trasferimento, al competente Collegio, di tutte le istanze (mod. C/3) provenienti dalle Questure di Verona, Vicenza, Padova, Rovigo, Trento e Bolzano per le quali, alla data odierna, non si sia ancora provveduto alla convocazione degli interessati per il prescritto colloquio, nonché alla notifica e alla firma del relativo provvedimento. Relativamente, poi, ai fascicoli concernenti i richiedenti asilo già ascoltati, il medesimo Presidente provvederà al trasferimento degli stessi presso la Commissione Territoriale di Gorizia.

Per quanto concerne la Sezione di Mineo, si rimanda alla nota n. 130 del 17 gennaio 2013.

I Presidenti delle Sezioni soppresse avranno cura di assicurare il regolare passaggio dei beni strumentali alla Commissione Territoriale di riferimento.

L'Ufficio VI, che legge per conoscenza, provvederà alle necessarie modifiche sul sistema operativo Vestanet.

 

Il Presidente: Trovato