Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DELL'INTERNO  
CIRCOLARE 11 dicembre 2013, n. 7438
  Oggetto: Conversione del permesso di soggiorno per motivi di studio in permesso di soggiorno per motivi di lavoro, ovvero in permesso di soggiorno per attesa occupazione, ex art. 22 - comma 1-bis - del D.Lgs. n. 286/1998  , a seguito della novella operata dalla legge n. 99/13  (di conversione del DL n. 76/2013  ): richiesta chiarimenti applicativi.  
 


 
  urn:nir:ministero.interno:circolare:2013-12-11;7438

Alle Prefetture - UU.TT.G. - LORO SEDI

Al Commissariato del Governo Via Piave, 1 - TRENTO

Al Commissariato del Governo Viale Principe Eugenio di Savoia, 11 - BOLZANO

Alla Presidenza della Giunta Regionale Sportello Unico per l'Immigrazione Corso Battaglione Aosta, 16 - AOSTA

e, p.c. Al Dipartimento della Pubblica Sicurezza Dir. Centr. dell'Immigrazione e della Polizia delle Frontiere Via Tuscolana, 1558 - ROMA

Al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Dir. Gen. dell'Immigrazione e delle Politiche dell'Integrazione Via Fornovo, 8 - ROMA

Al Ministero degli Affari esteri - Dir. Gen. per gli italiani all'estero e le politiche migratorie - Piazzale della Farnesina, 1 - ROMA

Al Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca piazza Kennedy, 20 - ROMA


 

In seguito ai numerosi quesiti pervenuti in merito a quanto in oggetto indicato, questo Ufficio ha provveduto ad interessare il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca richiamando in particolare l'attenzione sulla questione della validità del titolo di master di I livello ai fini della conversione del permesso di soggiorno da motivi di studio a motivi di lavoro.

Il citato Dicastero ha pertanto fatto sapere nel merito " che anche il Master universitario di I livello, pur non essendo espressamente ricompreso tra i titoli validi per la conversione del permesso di soggiorno per motivi di studio in permesso di soggiorno per motivi di lavoro, possa essere considerato requisito utile ai fini dell'applicazione della legge 99/2013  in quanto trattasi di titolo accademico di grado superiore al titolo di laurea di I livello previsto dalla sopracitata legge".

Tanto si comunica per opportuna conoscenza e per quanto eventualmente di competenza.

 

Il Direttore Centrale: Malandrino