Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DELL'INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL'AMMINISTRAZIONE CIVILE  
CIRCOLARE 26 marzo 2001, n. 3
  Oggetto: Inserimento dei dati nell'Indice Nazionale delle Anagrafi, ai fini della sperimentazione della carta di identità elettronica.  
 


 
  urn:nir:ministero.interno:circolare:2001-03-26;3

AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA - LORO SEDI

AL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI BOLZANO

AL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI TRENTO

AL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA VALLE D'AOSTA - AOSTA

e, per conoscenza AI COMMISSARI DI GOVERNO - LORO SEDI

AL COMMISSARIO DELLO STATO PER LA REGIONE SICILIA

AL RAPPRESENTANTE DEL GOVERNO PER LA REGIONE SARDEGNA

ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE - Direzione Centrale Sistemi e Processi, Via Mario Carucci, 85 - ROMA

ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - Dipartimento Funzione Pubblica - ROMA

AL GABINETTO DEL SIG. MINISTRO - SEDE

AL DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA - SEDE

ALLA DIREZIONE GENERALE PER L'AMMINISTRAZIONE GENERALE E PER GLI AFFARI DEL PERSONALE - SEDE

ALL'UFFICIO PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI - SEDE

ALL'AUTORITA' PER L'INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, Via Isonzo 21 b - ROMA

ALL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI COMUNI D'ITALIA Via dei Prefetti, 46 - ROMA


 

Il decreto-legge 27 dicembre 2000, n. 392  convertito con legge 28 febbraio 2001, n. 26  , istituisce, all' art. 2 quater  , l'Indice Nazionale delle Anagrafi (INA) presso il Ministero dell'Interno. Al riguardo, facendo seguito a quanto già comunicato con circolari MIACEL n. 16 del 27 dicembre 2000 e n. 1 del 5 febbraio 2001, si rammenta che l'inserimento nell'INA dei dati anagrafici e dei codici fiscali dei cittadini e il loro costante aggiornamento, tramite il Sistema di Accesso e Interscambio Anagrafico, da parte dei comuni che partecipano alla sperimentazione della carta di identità elettronica (CIE) è un prerequisito essenziale, che consente al sistema di sicurezza del circuito di emissione (SSCE) delle carte di identità elettroniche di verificare la correttezza dei dati relativi ai cittadini ai quali verrà assegnata la carta. Per quanto attiene alla predisposizione dei dati da trasmettere all'Agenzia delle Entrate ai fini della validazione dei codici fiscali, si rinvia alle istruzioni diramate con la circolare n. 1 del 5.2.2001.

Per quanto, invece, riguarda il popolamento iniziale dell'INA, da parte dei comuni che partecipano alla sperimentazione della carta di identità elettronica, si comunica che è stata predisposta una apposita funzione del S.A.I.A., che consente di trasmettere telematicamente i dati anagrafici presenti nel supporto informatico restituito dall'Agenzia delle Entrate, una volta effettuato il confronto con i dati contenuti nell'anagrafe tributaria. Le relative istruzioni sono riportate nell'allegato alla presente circolare, che si prega di voler diramare con la massima, cortese sollecitudine ai Sig.ri Sindaci, affinchè le operazioni predette vengano poste in essere con la necessaria tempestività.

 

Il Direttore Generale Morcone