Regione Toscana
Norma

 
DECRETO-LEGGE 2 ottobre 2008, n. 151
  Misure urgenti in materia di prevenzione e accertamento di reati, di contrasto alla criminalita' organizzata e all'immigrazione clandestinità. (*) Clicca qui per per visualizzare il testo coordinato con la legge di conversione  
  Pubblicato in GU, n. 231 del 02/10/2008


  Vigente dal: 02/10/2008
  urn:nir:stato:decreto.legge:2008-10-02;151

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77  e 87  della Costituzione ;

Ritenuta la straordinaria necessita' ed urgenza di evitare pregiudizi all'attivita' di accertamento e repressione dei reati, chepotrebbero derivare dalla perdita definitiva di dati del trafficotelematico, anche a seguito dell'entrata in vigore del decretolegislativo 30 maggio 2008, n. 109  ;

Ritenuta altresi' la straordinaria necessita' ed urgenza di emanare disposizioni volte a incrementare l'attivita' di contrasto alla criminalita' organizzata e all'immigrazione clandestina;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 23 settembre 2008;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, del Ministro dell'interno, del Ministro della giustizia e del Ministro della difesa, di concerto con i Ministri per la pubblica amministrazione e l'innovazione e dell'economia e delle finanze;

Emana

il seguente decreto-legge:


   
  Art. 1 

Modifiche al decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 109 

 
  1.  All' articolo 6 del decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 109  , sono apportate le seguenti modificazioni:
   a)  
al comma 3  le parole: "  
ha effetto decorsi tre mesi dalla datadi entrata in vigore del presente decreto.
", sono sostituite dalle seguenti: "  
ha effetto a decorrere dal 31 dicembre 2008.
";
   b)  al comma 5  :
   1)  
le parole: "  
entro novanta giorni dalla data di entrata invigore del presente decreto.
" sono sostituite dalle seguenti: "  
adecorrere dal 31 dicembre 2008.
";
   2)  
dopo il primo periodo, e' aggiunto, in fine, il seguente: "  
Fino al 31 dicembre 2008 i predetti fornitori di servizi sonoautorizzati a conservare i dati del traffico telematico, di cuiall' articolo 6, comma 1, del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144  ,convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155  , inderoga a quanto previsto dal medesimo comma 1, compresi quelli nonancora cancellati.
".
 
 
  Art. 2 

Impiego del personale delle Forze armate

 
  1.  All' articolo 7-bis del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92  , convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 125  , sono apportate le seguenti modificazioni:
   a)  
dopo il comma 1 , e' inserito il seguente: "  
 
  1-bis.  Ai fini e con le medesime modalita' di cui al comma 1, nelle aree ove si ritiene necessario assicurare, in presenza di fenomeni di emergenza criminale, un piu' efficace controllo del territorio e' autorizzato, fino al 31 dicembre 2008, l'impiego di un contingente di 500 militari delle Forze armate.
";
   b)  
al comma 2, dopo la parola: "  
comma 1
" sono inserite le seguenti: "  
e 1-bis
";
   c)  
al comma 4, le parole: "  
di cui al comma 2
" sono sostituite dalle seguenti: "  
di cui ai commi 1, 1-bis e 2
".
 
 
  Art. 3. 

Misure per fronteggiare l'immigrazione clandestina

 
  1.  Per fronteggiare l'intensificarsi del fenomeno di immigrazione clandestina anche al fine di garantire la piu' rapida attuazione della normativa europea in materia attraverso l'ampliamento ed il miglioramento della disponibilita' ricettiva dei centri di identificazione ed espulsione, di cui all' articolo 14  del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286  , e successive modificazioni, e' autorizzata la spesa di euro 3.000.000 per l'anno 2008, di euro 37.500.000 per l'anno 2009, di euro 40.470.000 per l'anno 2010 e di euro 20.075.000 a decorrere dall'anno 2011, di cui euro 3.000.000 per l'anno 2008 ed euro 37.500.000 per ciascuno degli anni 2009 e 2010 destinati alla costruzione di nuovi centri di identificazione ed espulsione.
 
  2.  All'onere derivante dalla disposizione di cui al comma 1  si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2008-2010, nell'ambito del programma "Fondi di riserva e speciali" della missione "fondi da ripartire" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2008, allo scopo parzialmente utilizzando i seguenti accantonamenti:
2008 2009 2010
Ministero della giustizia-7.193.00011.212.000
Ministero dell'interno3.000.00030.307.00019.785.000
Ministero della salute--9.473.000
Totale 3.000.00037.500.00040.470.000
 
  3.  Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
 
 
  Art. 4. 

Entrata in vigore

 
  1.  Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara' presentato alle Camere per la conversione in legge.
 

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

Dato a Roma, addi' 2 ottobre 2008

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri

Maroni, Ministro dell'interno

Alfano, Ministro della giustizia

La Russa, Ministro della difesa

Brunetta, Ministro per la pubblica amministrazione

e l'innovazione Tremonti, Ministro dell'economia e delle finanze

Visto, il Guardasigilli: Alfano

 
 

Note della redazione

(*) - 

Il testo del presente decreto legge è stato convertito con modificazioni dalla legge 28 novembre 2008, n. 186 .