Regione Toscana
norma

 
DECRETO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA' 4 agosto 2016
  Approvazione graduatoria  
 
  Vigente al 02/06/2020 


 
  urn:nir:presidenza.consiglio.ministri;dipartimento.pari.opportunita:decreto:2016-08-04;nir-1

Indice

  Allegato  

LA DIRIGENTE GENERALE

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400  , recante "Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri;

VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999 n. 303  , recante "Ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri a norma dell' articolo 11 della L. 15 marzo 1997, n. 59  " e successive modificazioni;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell'11 gennaio 2016  registrato dalla Corte dei Conti il 1 marzo 2016 - Reg.ne Prev. n. 547, con il quale è stato conferito alla Consigliera Monica Parrella l'incarico di coordinare l'Ufficio per gli interventi in materia di parità e pari opportunità;

VISTO il decreto del Segretario Generale del 19 gennaio 2016, con il quale alla Consigliera Monica Parrella, Coordinatrice dell'Ufficio per gli interventi in materia di parità e pari opportunità, è stata conferita la delega per la gestione delle risorse finanziarie iscritte sui capitoli appartenenti al centro di responsabilità 8, nonché i maggiori stanziamenti, per tutto l'esercizio finanziario 2016;

VISTO il decreto legislativo 25 luglio 1998 n. 286  , recante "Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero e successive modificazioni;

VISTA la legge 11 agosto 2003, n. 228  , recante "Misure contro la truffa di persone e successive modificazioni;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 16 maggio 2016  di concerto con il Ministro dell'interno, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e il Ministro della salute, registrato alla Corte dei Conti il 16 giugno 2016. con il quale è definito il Programma unico di emersione assistenza e di integrazione sociale e le relative modalità di attuazione e finanziamento, di cui al citato articolo 18, comma 3-bis, del decreto legislativo n. 286 del 1998  ;

VISTO l' articolo 1  del suddetto decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 16 maggio 2016  che prevede altresì che il citato Programma unico si realizza mediante progetti attuati a livello territoriale finalizzati ad assicurare, in via transitoria ai soggetti destinatari adeguate condizioni di alloggio, vitto e assistenza sanitaria e successivamente la prosecuzione dell'assistenza e l'integrazione sociale;

VISTO l' articolo 3 del medesimo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 16 maggio 2016  che prevede che entro 90 giorni dalla pubblicazione del decreto stesso il Dipartimento per le pari opportunità adotta, sentita la Conferenza Unificata. e con le risorse a tal fine stanziate nel bilancio della Presidenza del Consiglio dei ministri un apposito bando per l'individuazione dei progetti finanziabili;

VISTO il Bando 1/2016 del Dipartimento per le pari opportunità, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana serie generale n. 134 del 10 giugno 2016 e sul sito istituzionale www.pariopportunita.gov.it, per il finanziamento dei suddetti progetti attuati a livello territoriale;

VISTO il Decreto del Segretario Generale della Presidenza del Consiglio del 13 luglio 2016 con cui è stata nominata, ai sensi dell'art. 12 del citato Bando 1/2016 la Commissione di valutazione delle proposte progettuali pervenute;

VISTA la nota DPO n. 5201 del 13 luglio 2016 con la quale il Responsabile del Procedimento ha trasmesso alla Presidente della Commissione di valutazione n. 26 proposte progettuali, evidenziando l'esclusione d'ufficio per inammissibilità di ulteriori 2 proposte progettuali, ed in particolare della proposta della Regione Liguria per mancato rispetto del termine di scadenza previsto dal bando e della proposta della Vitasi Cooperativa sociale per mancata iscrizione del proponente nella seconda sezione del Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati;

VISTA la nota DPO n. 5771 del 4 agosto 2016 con la quale il Responsabile del Procedimento ha trasmesso la proposta di graduatoria finale dei progetti ammessi al finanziamento sulla base dei punteggi attribuiti e gli originali dei verbali redatti (n. 9) che ne fanno parte integrante;

PRESO ATTO delle valutazioni espresse dalla Commissione sui n. 26 progetti trasmessi dal Responsabile del Procedimento alla Commissione stessa. come riportate nei verbali n. 1 del 13 luglio 2016, n. 2 del 21 luglio 2016. n. 3 del 22 luglio 2016. n. 4 del 25 luglio 2016. n. 5 del 27 luglio 2016, n. 6 del 28 luglio 2016, n. 7 del 29 luglio 2016. n. 8 del 10 agosto 2016, n. 9 del 2 agosto 2016;

CONSIDERATO che con singole note del Responsabile Unico del Procedimento verrà comunicato a tutti i soggetti proponenti l'esito delle singole proposte;

DECRETA


   
  Art. 1   
  1.  Si approvano i verbali e la graduatoria finale delle proposte progettuali redatta dalla Commissione di valutazione di cui in premesse. Considerato lo stanziamento disponibile pari a 13 milioni di euro (articolo 8, comma 1, del bando 1/2016) sono ammesse al finanziamento le proposte collocate dal numero 1 al numero 15 di cui alla unita tabella che forma parte integrante del presente decreto.
 
 
  Art. 2   
  1.  La graduatoria dei progetti di cui all' art. 1  e il relativo riparto del finanziamento è pubblicato sul sito del Dipartimento per le pari opportunità nonchè sulla sezione "Amministrazione trasparente" del sito www.governo.it .
 
  2.  Avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso presso il TAR competente entro 30 giorni dalla data del presente decreto, ai sensi dell'articoli 119 e 120 del Decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104  .
 

 

Roma, 4 agosto 2016

Cons. Monica Parrella



ALLEGATI:  
- Allegato   -