Regione Toscana
Norma

 
MINISTERO DELL'INTERNO  
DECRETO 17 settembre 2013
  Capacità ricettiva dello SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).  
 
  Vigente al 12/09/2019 


 
  urn:nir:ministero.interno:decreto:2013-09-17;nir-1

IL CAPO DIPARTIMENTO PER LE LIBERTA' CIVILI E L'IMMIGRAZIONE

Visto il decreto del Ministro dell'Interno in data 30 luglio 2013  , registrato alla Corte dei Conti 1'8 agosto 2013 - reg. 5, fog.114, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 4 settembre 2013, n.207, recante: "Modalità di presentazione delle domande di contributo da parte degli enti locali che prestano servizi finalizzati all'accoglienza dei richiedenti e dei titolari di protezione internazionale e umanitaria, triennio 2014-2016. Linee guida e modelli di domanda";

Visto l' articolo 2 del citato decreto 30 luglio 2013  che demanda ad un provvedimento del Capo dipartimento di stabilire la capacità ricettiva dello SPRAR, con riferimento alla durata triennale dei servizi finalizzati all'accoglienza di richiedenti/titolari di protezione internazionale;

Visto il "Documento di indirizzo per il passaggio alla gestione ordinaria dei flussi migratori non programmati (richiedenti/titolari di protezione internazionale e minori stranieri non accompagnati)" sul quale è stata sancita l'intesa in Conferenza Unificata l' 11 luglio 2013 e considerato il consistente e continuo afflusso di cittadini stranieri sul territorio nazionale;

DECRETA


 

1. Per il triennio 2014-2016, la capacità ricettiva dello SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) è stabilita in 16.000 posti, fatta salva la disposizione di cui all' articolo 6 del citato decreto 30 luglio 2013  .

2. AI relativo sostegno finanziario si provvederà nel limite delle risorse disponibili sul "Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell' asilo" di cui all' articolo 1 septies del decreto-legge 30 dicembre 1989 n.416  , convertito con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 1990, n. 39  , suscettibili di incremento in corso di esercizio di bilancio anche per effetto di manovre compensative attuate allo scopo di adeguare gli stanziamenti alla effettiva esigenza di attivazione dei servizi di accoglienza.


Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

 

Roma, 17 settembre 2013

Il Capo Dipartimento: Angela Pria