Regione Toscana
Percorso per eventi della vita
» Contenuti » Schede informative sui procedimenti » Attestazione dei parametri finanziari


Attestazione dei parametri finanziari

È una dichiarazione in cui la Camera di Commercio indica la disponibilità finanziaria minima che il cittadino non UE deve avere per avviare un’attività imprenditoriale che deve essere iscritta al Registro Imprese cioè un’attività imprenditoriale non di tipo libero professionale.
La disponibilità finanziaria minima necessaria equivale al triplo dell'importo annuale dell'assegno sociale (per il 2020, 17.933 euro).

Tempi del procedimento
Attivazione

Su richiesta dell'interessato

Durata

90 giorni dalla presentazione della richiesta.

Revoca
Titolare del procedimento
Responsabile
Dati assenti
Accesso al servizio
Requisiti

L'attestazione deve essere richiesta da:

  • cittadini non comunitari non presenti in Italia che vogliono svolgere attività di lavoro autonomo in qualità di imprenditori  (la richiesta in questo caso può essere presentata da un procuratore);
  • cittadini non comunitari presenti in Italia con permesso di soggiorno per studio o formazione che vogliono svolgere attività di lavoro autonomo in qualità di imprenditori (l'attestazione serve per convertire il loro permesso in permesso per lavoro autonomo);
  • cittadini non comunitari che vogliono svolgere attività di lavoro autonomo come soci prestatori d’opera presso società, anche cooperative, costituite da almeno tre anni (l’attestazione non è necessaria nel caso in cui la società operi da meno di tre anni o si intenda assumere la qualifica di semplice socio o amministratore di società già in attività).
Documentazione richiesta

Cittadino non comunitario presente in Italia

  • Copia della carta d’identità o del passaporto non scaduto;
  • Copia del permesso di soggiorno non scaduto o del permesso di soggiorno scaduto con la ricevuta di rinnovo;
  • Pagamento di 10 euro di diritti di segreteria e di € 16 di marca da bollo da pagare allo sportello.

Cittadino non comunitario non presente in Italia

  • Atto di procura (in caso di atto estero, deve essere tradotto e legalizzato dal Consolato italiano del Paese di provenienza o apostillato);
  • Fotocopia del documento di identità del cittadino non comunitario e del delegato in corso di validità;
  • Pagamento di 10 euro di diritti di segreteria e di € 16 di marca da bollo da pagare allo sportello.
Come fare per...
Reperire i moduli

(Per Camera di Commercio di Firenze il modulo può essere scaricato all’indirizzo  www.fi.camcom.gov.it/richiestadellattestazione-dei-parametri-economico-finanziari)

Presentare la domanda

L’attestazione può essere richiesta alla Camera di Commercio dal cittadino non comunitario o  dal suo procuratore.

(Per Camera di Commercio di Firenze presenta la domanda allo Sportello (Piazza dei Giudici, 3) oppure per e-mail all’indirizzo: cciaa.firenze@fi.legalmail.camcom.it.
Se si invia la domanda per e-mail visure.registroimprese@fi.camcom.it o per pec cciaa.firenze@fi.legalmail.com.it devi allegare tutti i documenti elencati sopra, ma attenzione prima di inviare la domanda devi richiedere alla e-mail o alla pec sopra indicatal’emissione dell’avviso di pagamento indicando i dati del richiedente (nome, cognome, indirizzo, codice fiscale e indirizzo e-mail).
Una volta ricevuto l’avviso puoi pagarlo tramite i canali resi disponibili dai Prestatori di Servizi di Pagamento (ad esempio: agenzie di banca; home bankin; sportelli ATM; Punti vendita SISAL; Lottomatica).

Per assistenza nella presentazione della domanda rivolgersi ai punti informativi della provincia di Siena
Ricevere il provvedimento
Riferimenti normativi
  1. Circolare Ministero delle Attivita' produttive direzione generale per il commercio, le assicurazioni e i servizi del 20 luglio 2005 n.3589 "d.p.r. 18.10.2004, n. 334 . Regolamento recante modifiche ed integrazioni al D.P.R. 31 agosto 1999, n. 394, in materia di immigrazione".
  2. Circolare Ministero dell'Industria del Commercio e dell'Artigianato Direzione generale del commercio, assicurazioni e servizi Servizio Centrale delle Camere di Commercio e UU.PP.I.C.A. - Div. VIII del 4 aprile 2000 n.3484-c "Decreto legislativo n.286/98 , art 26 e D.P.R. n. 394/99 , art. 39 - Lavoro autonomo da parte di cittadini stranieri extracomunitari".
  3. Art. 26 del D.lgs. n. 286 del 25 luglio 1998 “Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero” e successive modifiche ed integrazioni.
  4. Art. 39 del D.P.R. n. 394 del 31 agosto 1999 “Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, a norma dell'articolo 1, comma 6, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286”, come modificato dal D.P.R. 334 del 18 ottobre 2004.
Per saperne di più